Wald,ogni acquisto à un regalo:

aperto a Milano il primo negozio monomarca

 

 

Milano, Viale murillo, meno di 70 metri quadrati arredati con moduli ed elementi arredativi che fanno sembrare di essere in un angolo di casa e non in un negozio.

E’ il primo punto vendita monomarca di Wald, un negozio diretto dell’azienda umbra (che produce e commercializza oggetti per la tavola, il regalo, bomboniere e tessuti) che fungerà da "prototipo" per i futuri negozi diretti o in franchising.

La parola d’ordine é "impatto multisensoriale" per attrarre l’attenzione del cliente, emozionare divertire, indurre a comprare. Musica, profumi, colori coinvolgono e fanno percepire le qualità e la valenza estetica di prodotti ben esposti.

La formula è consolidata e consiste nel riproporre il concept wald dei "corner e shop in shop" che pongono l’accento sull’atmosfera creata dalla combinazione dei prodotti in catalogo (dall’idea regalo all’arredotavola, dal complemento all’oggettistica alla decorazione e al tessile fino a mobili accessori d’arredo), che vengono disposti ed abbinati in base al loro uso e alla compatibilità formale e cromatica.

Le grandi immagini a parete, periodicamente rinnovate, gli espositori dei prodotti appositamente studiati per ogni singola collezione, sono elementi centrali del lay-out espositivo dei negozi Wald, che, insieme a una illuminazione calda e soffusa, contribuiscono in modo essenziale a trasmettere il messaggio di un’atmosfera molto legata all’abitare.

Per questo Wald offre ai suoi punti vendita un servizio che va oltre al prodotto, fornendo temi di carattere più operativo: composizione dell’assortimento, visual merchandising e comunicazione, sistema informativo, gestione dei punti focali e dei punti display, spazi appropriati collocati in punti di forte visibilità, studiati per mettere in evidenza prodotti e motivazioni d’acquisto tramite espositori personalizzati, complementi ed accessori.

In questo contesto anche il packaging si inserisce come strumento di crescente rilevanza, maturità e complessità per comunicare e per soddisfare l’esigenza di personalizzazione e gratificazione manifestata dai clienti.

In molti casi è solo l’atto finale, la sorpresa che giustifica la consapevolezza che l’acquisto appena concluso sia quello giusto.

a cura della redazione