Dietro le quinte:

del salone del mobile

Anche quest’anno il salone del mobile a Milano si è svolto nel migliore dei modi e ,a giudicare dal suo avvio con il tutto esaurito di espositori a Rho Fiera, direi proprio che, nonostante la crisi, non c’è  proprio di che lamentarsi.
Noi però desideriamo qui parlare di alcuni eventi che si sono svolti nell’ambito del fuori salone, magari un pò anche in sordina e lontano dalle quinte del grande evento milanese.
Incominciamo da Zona Tortona dove siamo andati a conoscere ,sempre, dietro le quinte una nuova società di design. "Altreforme" nasce da un progetto creativo di Valentina Fontana che ne individua le potenzialità come diversificazione produttiva di Fontana Group forte, quest’ultimo, di un esperienza  quasi cinquantennale nella lavorazione dell’alluminio per il settore automotive.Le collezioni composte da leggerissimi fogli di alluminio, , da 1.25 fino a 8 mm di spessore,un tempo dedicati al mondo industriale, rinascono ,cosi, in "altreforme", dando vita a sculture monolitiche di grandi dimensioni. La luce riflessa evidenzia i grandi volumi, valorizzandone le ambiziose linee ed amplificandone le sinuose profondità delle sculture.
Ciascun opera, in edizione limitata, rappresenta di per sè un capolavoro  ed è realizzata attraverso i medesimi processi produttivi che danno forma alle piû belle e sinuose carrozzerie di automobili nel mondo. Molto originle questo progetto che unisce le idee e gli stili concepiti da grandi designer internazionali, con le piû recenti tecniche produttive, alla competenza di maestranze altamente qualificate, il tutto a garanzia di un controllo estetico di massima perfezione.
Nel centro di Milano ed esattamente in Via Solferino 16 siamo, invece, andati ad esplorare un nuovo spazio. Kerakoll Design Gallery è la prima galleria a firma Piero Lissoni e Associati progettato dall’omonimo designer e dedicato al design e alla creatività delle nuove superfici continue per il living contemporaneo nel segno dell’innovazione e dell’eco-sostenibilità.

In questa galleria Kerakoll Group, leader mondiale nei prodotti e servizi per l’architettura sostenibile, ha presentato  la nuova divisione creativa Kerakoll Design, che propone superfici continue uniche e all’avanguardia per l’interior e decoration design, realizzate con materiali dall’alto potenziale funzionale e creativo, ampiamente utilizzati nella progettazione eco-compatibile.

Risultato di questa ricerca è cementoresina®, il nuovo materiale creato da Kerakoll Design che coniuga la matericità del cemento con la solidità e l’elasticità della resina, per realizzare superfici continue, durevoli e resistenti all’usura, con una valenza estetica unica e innovativa.

Da qui l’esigenza di connotare il nuovo prodotto con una cifra progettuale, che ha dato vita alla recente collaborazione tra l’Azienda e Piero Lissoni, che si consolida con la progettazione del nuovo spazio milanese: “Ho cercato di disegnare uno showroom di prodotti tecnici come se fosse una galleria d’arte, un luogo re-inventato e interpretato da me, per presentare in maniera astratta dei prodotti reali”, ci ha spiegato Piero Lissoni.

Kerakoll Design Gallery si presenta come un ambiente luminoso e scenografico; composizioni di pannelli formano superfici continue, dal pavimento alle pareti, dal soffitto ai dettagli, nel quale sono esposte le nuove collezioni in cementoresina®, ideate da Lissoni Associati in diverse varianti cromatiche: White, Mix Match, Cool, Warm e Nature.

“In uno stile contemporaneo, dai contrasti forti – ha continuato Lissoni – ho fatto realizzare dei grandi pannelli monocromi che ricordano quadri astratti, con i colori e le finiture dei materiali in vendita”. Spazi che dialogheranno con un intenso programma di attività espositive, ospitate nei 170 metri quadrati di Via Solferino.

Kerakoll Group, presente in Italia e all’estero con 15 società operative e 9 stabilimenti produttivi, opera attraverso 3 brand division: Kerakoll, per l’edilizia moderna e l’architettura contemporanea; Biocalce, per l’edilizia del benessere e il restauro storico; Kerakoll Design, per l’interior  design.
 Da un’idea progettuale nasce un materiale nuovo e innovativo, la lastra in laminam, che supera i confini della ceramica tradizionale per esplorare nuovi campi di utilizzo e offrire infinite soluzioni progettuali.
Qualche passo più in là e siamo passati dal  Bulgari Hotel dove Formia Luxury Glass Murano presentava alla settimana del design milanese  una lampada molto speciale che affianca una collezione molto innovativa di prodotti di interior lighting, che racconta la tradizione dei Maestri Vetrai.

Fuoco, questo il nome del capolavoro è costituito da  una scultura gioiello realizzata in vetro soffiato lavorato a mano nelle sfumature del rosso, del viola e del turchese. Un’opera non soltanto di una bellezza spettacolare ma anche la più grande scultura gioiello del mondo che esprime la tradizione  dei Maestri vetrai in un intreccio di contaminazioni di artigianalità, design e arte e sintesi di stile contemporaneo.
 
Nata dalla mente creativa della designer Denise Gemin, l’opera vuole essere la rappresentazione allegorica di un “mestiere” che si trasforma in arte, simbolo dell’unicità e dell’esclusività che contraddistingue ogni creazione Formia.

Dal centro ci siamo ,di nuovo, spostati  verso la cerchia interna dei navigli  per andare a scoprire "Laminam" presente al Fuori Salone di Milano, all’interno del Museo della Scienza e della Tecnica, con un evento che,  già ,dal titolo ha dato l’idea della filosofia e dell’unicità di un materiale innovativo, sia per tecnologia che per ricerca estetica, la lastra in "laminam".

Il "Filo di una storia", questo il titolo ,  racconta un’idea che ha rivoluzionato i concetti della ceramica tradizionale, espandendone i confini di utilizzo in ambito architettonico e nell’Interior Design con potenzialità applicative ancora da scoprire.

Ma è anche la storia di un’imprenditoria progettuale e della sua filosofia innovatrice.

Laminam S.p.A. nasce ,infatti, nel 2001 a Fiorano Modenese, nel comprensorio ceramico più famoso del mondo, dall’idea ispiratrice del suo fondatore, Franco Stefani, di "produrre la lastra ceramica più grande e sottile mai vista prima" da cui prende il nome: il laminam, un nuovo materiale con caratteristiche prestazionali ed estetiche di eccellenza.

Le lastre in "laminam", che si sviluppano su grandi formati, 1000x3000mm, con uno spessore minimo, pari a 3 mm hanno molteplici possibilità d’impiego. Grazie alle sue dimensioni può rispondere a sempre più esigenti e svariate richieste progettuali provenienti dal settore edile, dal settore dell’arredamento e da quello del design.

 

Dieci anni di ricerca e sperimentazione hanno dato vita ad un materiale unico ed innovativo, la lastra in laminam che, fin dal suo esordio, si è imposta come innovazione assoluta nel campo dei materiali anche grazie alle sue eccezionali caratteristiche tecniche, ma, soprattuto versatile in quanto oltre al tradizionale utilizzo per pavimenti e rivestimenti, le lastre di "lamimam" son o ideali per realizzare piani per bagni e cucine, armadi, porte e tavoli personalizzati mentre l’abbinamento con altri  materiali, apre un vastissimo panorama di possiblità applicative sia per  esterni che per interni, noi ,poi, abbiamo avuto la fortuna di avere a disposizione lo storico dell’arte Philippe Daverio che ci ha raccontato l’unicità di un materiale innovativo, la sua filosofia progettuale e, soprattutto, il percorso di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica nato dall’idea di Stefani.

Vicino ai Navigli non potevamo mancare l’evento di Persol. PERSOL:VISIONI – Design in viaggio nasce dall’idea di coinvolgere talenti del design contemporaneo in un progetto creativo che celebri i valori di Persol, un marchio di stile, forte di un’eredità fatta di design, sostanza e valori distintivi.
Al Salone Internazionale del Mobile di Milano, Persol ha presentato  inediti viaggi in Italia di personalità del design e della cultura contemporanea che hanno sperimentano in esclusiva per Persol video cortometraggi e foto reportage capaci di sintetizzare con un linguaggio contemporaneo le visioni creative ispirate da Persol: Persol è sostanza dietro lo stile, i viaggi presentano la visione personale dietro design e creatività.
Le personalità sono state selezionate per il loro spirito pionieristico, la loro determinazione e la loro attitudine nel lavoro creativo. Come Persol, creano oggetti belli in senso proprio che si distinguono per la loro indipendenza dal contesto e il loro fascino al di là delle mode che cambiano.
Nello spazio dell’evento, le opere video e foto vengono ricostruite attorno al visitatore,
immerso in un viaggio di formazione attraverso le suggestioni del Persol lifestyle. Immagini fisse, video, atmosfere sonore e materiali di design danno vita in diretta al fascino di un viaggio di talenti internazionali ispirato da un oggetto italiano, l’occhiale Persol, che grazie alle proprie originali caratteristiche – alta qualità dei materiali, tecnologica esclusiva, cura dei dettagli – in ogni epoca e latitudine veste gli sguardi con il proprio appeal inconfondibile.
Il prodotto è insieme ispirazione e protagonista del progetto. Nel 2008 Persol conferma la propria vocazione a lavorare sul design della tradizione e il design dell’innovazione, segmentando le proprie collezioni eyewear in due differenti concetti di prodotto: PERSOL COLLEZIONE SUPREMA, in vendita dal 2007, è la parte di Collezione dedicata alla riedizione della icone storiche del marchio (PERSOL 649, 714, 009, 2873 S, 2869 S) e PERSOL COLLEZIONE DESIGN, la parte di collezione che dal 2008 comprende innovazioni tecnologiche sostanziali in termini di design, proporzioni e materiali (PERSOL 2864 S da uomo e PERSOL 2866 S da donna, i due modelli pionieri della collezione). Le collezioni saranno in vendita presso i migliori ottici e in selezionati Concept Stores in Italia e all’estero.
Infine "dulcis in fundo" ,si far per dire, come sottraci alla visita dello Spazio Eventi Sagsa dove il Presidente Michele Perini affiancato dalla Prof. Carla Zucchi presentavano al pubblico e alla stampa un evento di particolare importanza: il PROGETTO ART DESIGN-GIUSEPPE TERRAGNI, PIETRO LINGERI Arredi del razionaismo anni ’30 per le " Case per artisti" Isola Comacina.
Sagsa, è un’azienda Milanese con una lunga storia di tradizione familiare  presente sul mercato dell’arredo ufficio dal 1922. Attualmente la sede produttiva è sita ad Assago, ma la fabbrica storica nasce nel 1922, sul Naviglio.
La strategia di Sagsa punta sulla qualità di prodotti e servizi, senza perdere di vista l’evolversi del mercato. Particolare attenzione viene posta alla progettazione, alle normative sulla sicurezza, alle esigenze ergonomiche e funzionali dell’ufficio moderno, alla ricerca delle migliori soluzioni per ogni aspetto di design, progettazione ed organizzazione degli spazi.
 
Sagsa ha inaugurato nel 2005 il proprio "Spazio Museo Sagsa" dove trovano spazio appunto pezzi storici tra i quali alcuni elementi degli anni ’30. "Anni in cui il Bauhaus rappresentava una delle esperienze piû signficative tra i movimenti d’avanguardia della prima metä del secolo scorso" – ha spiegato Michele Perini- aggiungendo che "Sagsa ha voluto ospitare questa mostra per dare nuova luce a quanto realizzato negli anni ’30, anni in cui Sagsa lavorò sulla scia del movimento Bauhaus e produsse mobili che si inquadravano in quel periodo storico ma talmente attuali da essere riproposti nelle collezioni di oggi".
Il nostro percorso fuori salone finisce qui non senza ringraziare chi ci ha permesso di effettuarlo, il tutto  in attesa di simili ,prossime  interessanti ed emozionanti manifestazioni.
Gianni Acerbi

logo e copyright salone mobile