Design Outlet :

ha organizzato lo scorso 6 luglio a Santhià il convegno TE LO DO IO Il MADE In ITALY il primo di una serie di appuntamenti dedicati al contract e al mercato del design

 

 

Design Outlet Italiano ha organizzato lo scorso 6 luglio  a Santhià il convegno TE LO DO IO IL MADE IN ITALY, il primo di una serie di appuntamenti dedicati al contract e al mercato del design, occasione di incontro e confronto tra i principali player del settore. Attraverso focus tematici, i relatori hanno analizzato le dinamiche che regolano il mercato.
A questo primo evento hanno partecipato  Philippe Daverio professore Ordinario di Design, Università degli Studi di Palermo che ha parlato del design accessibile, Andrea Cancellato della Fondazione Triennale di Milano che ha intrattenuto i presenti sui  nuovi scenari del design e sul  complesso equilibrio fra creatività e business, Marco Serralunga industriale del settore  ha invece disquisito sulle  alternative per la crescita: un nuovo modo di fare retail e l’innovazione della filiera. Mario Esposito, presidente di Retailinprogress ha infine dato alcuni suggerimenti sul come avvicinare il cliente al design italiano, nell’ambito dell’evoluzione nelle strategie di sviluppo dei consumi.
All’incontro, a cui è intervenuto come moderatore Danilo Rossi.,amministratore delegato di SVIM Spa hanno anche partecipato e raccontato le loro esperienze due giovani designers Massimiliano Adami e Francesco Dell’Aglio.

DESIGN OUTLET ITALIANO ha aperto lo scorso 20 aprile nel suo primo centro a Santhià con un anteprima il 16 aprile effettuata durante la design week milanese, al Fuori Salone, Tortona District (Superstudiopiù, MyOwnGallery- via Tortona, 27). Welchome Santhià è un progetto voluto e realizzato da SVIM Srl, ideato e sviluppato da RETAIL IN PROGRESS proprietaria del marchio Design Outlet Italiano.

Design Outlet Italiano è il primo outlet italiano del design.Oltre 13.000 metri quadrati di negozi e shop in shop inseriti in una scenografia d’avanguardia, che guarda al futuro esattamente come l’idea che racchiude, ovvero offrire il made in Italy dell’arredo, del design e del tessile dedicato alla casa, a prezzi outlet.
Nel nuovissimo design district, 80 grandi nomi dell’arredo e del design italiano, ma non solo, ampio spazio alla sperimentazione, alle mostre e ai nuovi “creativi”, alle collaborazione con archi-star, progettisti, università e centri di eccellenza. Un esempio su tutti Officina 42, un’area completamente dedicata ai designer di talento e all’autoproduzione. Qui si comprano pezzi unici, spesso autoprodotti, progetti di ecodesign e si svolgono workshop e contest. We
DESIGN OUTLET ITALIANO si propone come un centro con grandi nomi e dove il prezzo outlet non significa taglio dei servizi, al contrario, tanti i plus a disposizione dei clienti: interior designer per la progettazione con Idea3, assistenza logistica, montaggio, consulenza per i finanziamenti grazie a Relo Services e info point per qualsiasi necessità.
E, là dove si celebra la casa, in tema di scelte intelligenti, non poteva mancare uno spazio dedicato alla ristorazione e alle eccellenze enogastronomiche italiane, a chilometro zero naturalmente.A firmare il progetto architettonico, Pier Paolo Maggiora che, insieme a Hadid, Isozaki e Lieberskid, ha contribuito al primo sviluppo del progetto City Life.

a cura della redazione