Al via a Firenze la VIII edizione del premio Piramide dell’eccellenza:

quando sono i giovani a designare i Maestri

In una sorta di contrappasso dantesco saranno gli allievi  di Accademia Italiana Arte Moda e Design a premiare, in occasione della presentazione dei loro elaborati a fine semestre, sette “Grandi” della creatività italiana: Anna Molinari, Emilio Cavallini, le maison Bottega Veneta e La Perla , l’artista Michelangelo Pistoletto, l’imprenditrice Francesca Lavazza  e Gruppo Poltrona Frau.
Tema dell’anno ‘ Anima&Corpo.’ proprio come l’impegno richiesto agli studenti per portare avanti i loro studi.

A parlarne  oggi a Milano durante una  conferenza stampa di presentazione dell’VIII edizione del Premio Piramide dell’Eccellenza che si svolgerà il prossimo  26  aprile a Firenze. Il presidente e fondatore di Accademia Italiana Arte Moda Design, architetto Vincenzo Giubba, e il presidente della sede di Roma della scuola, lo scenografo Gianni Quaranta, Premio Oscar nel 1986 per la scenografia del film Camera con vista e chiamato di recente  dal sultano dell’Oman per lavorare alla Carmen di Bizet per la chiusura della stagione lirica.
 
“Accademia Italiana Arte Moda Design è una realtà italiana con trent’anni di storia: è nata nel 1984 quando ci fu l’esplosione dell’italian style nel mondo e Firenze era il punto di riferimento internazionale della moda. Mancava però una struttura accademica che presentasse il design come un’esperienza culturale e non un ramo dell’architettura. Per questo ho fondato a Firenze una scuola-laboratorio che coniuga l’insegnamento accademico con la pratica manuale. Gli studenti devono imparare a realizzare qualcosa di concreto e attuabile nelle imprese”, ha spiegato  Giubba.
" L’idea di aprire una  sede a Roma è nata, invece, grazie al mio incontro con Giubba per “ potersi avvalere dell’atmosfera di cinema e spettacolo che si respira nella capitale”.Ha riferito ,dal canto suo, Quaranta aggiungendo che  “La scuola non deve essere un banco asettico . Per questo ricerchiamo lo scambio di esperienze con le grandi case, ci avvaliamo di docenti di calibro internazionale e invitiamo i grandi nomi di moda, arte e design a collaborare con i nostri studenti nell’ottica della continuazione della professionalità: i grandi maestri insegnano ai giovani come portare avanti l’italian style. Ci sono realtà internazionali, come il teatro d’Opera, dove si parla italiano: dobbiamo costruire talenti capaci di portare il valore aggiunto dell’arte e professionalità italiane nel mondo del lavoro”.
 
“Abbiamo  un job placement degli studenti del 90%, grazie sia al lavoro di un nostro ufficio interno sia ad eventi come la Piramide dell’Eccellenza – ha proseguito con una punta di orgoglio, Giubba  aggiungendo che “L’unica qualità indispensabile per l’ammissione all’Accademia è la motivazione: il talento s’impara, mentre la passione devi averla  dentro”. Il corso dura tre anni con un costo di circa 7000 euro all’anno e una quota di iscrizione una tantum di 1750 euro.  Al termine rilasciamo una laurea riconosciuta a livello internazionale, dall’ università del Galles per cui i nostri studenti possono proiettarsi a livello globale. D’altronde moda e design sono linguaggi internazionali. Nasce da questo spirito il Premio Piramide dell’Eccellenza. Per anni abbiamo portato all’inizio i lavori degli studenti fuori dalla scuola, organizzando mostre itineranti  in giro per il mondo, andavamo in Berlino  quando c’era ancora il muro. Tutt’ora i nostri allievi studiano e lavorano insieme a studenti di paesi in guerra: con creatività e costruendo messaggi di pace. Oggi  Accademia Italiana è un istituto internazionale di livello universitario e post-secondario di arte, moda e design; ha sede a Firenze, Roma, un admission office negli States e una sede affiliata a Bangkok " grazie ad in contro avuto tanto tempo fa  con un monaco buddista che mi ha detto perchè far copiare il made in Italy da noi portalo qua" ha spiegato Giubba.  Collaborando con le principali università europee, americane e asiatiche, è diventata ormai un punto di riferimento sia per i giovani creativi sia per le imprese.
 
Per  attirare l’attenzione delle aziende e dei grandi nomi, abbiamo creato 8 anni fa questo riconoscimento che gli studenti assegnano ai ‘Maestri’ in occasione della presentazione delle loro opere a fine semestre. E vengono a prenderlo con entusiasmo nomi come Oliviero Toscani, Vivienne Westwood, John Richmond, Carla Fendi, Franco Zeffirelli, James Ivory, Ottavio e Rosita Missoni, Ermanno Scervino, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Elio Fiorucci, Alberto Alessi, Riccardo Dalisi, Cini Boeri, Gabriella Pescucci, Evelyn Swarovski e tanti altri”. Molti di questi personaggi poi partecipano volentieri a seminari e workshop promossi dalla scuola, discutendo con gli studenti progetti ed esperienze, e anche queste occasioni contribuiscono efficacemente al job placement della scuola, hanno spiegato i relatori.

 

La prossima edizione si svolgerà ,dunque,  il 26 aprile a Firenze, al teatro Obihall con  circa 2000 invitati provenienti da tutto il mondo. Durante l’evento  I giovani talenti di Accademia Italiana presenteranno circa 250 outfits sulla passerella, mentre i lavori di grafica, interior e product design proposti nella mostra saranno circa un centinaio. Gli allievi di fotografia allestiranno nello spazio multimediale proiezioni di foto, immagini in movimento, suoni e musiche d’ambiente.

 

In premio i vincitori riceveranno  La Piramide, una scultura in bronzo disegnata in esclusiva dallo scenografo Gianni Quaranta che rappresenta una rielaborazione del logo di AI.

 

Siete tutti ,caldamente,  invitati all’evento!

 

a cura della redazione