A conclusione della prima giornata di Milano Unica, Tollegno 1900 presenta il tessuto d’eccellenza 3DWOOL durante una serata-evento tenutasi in Via Gesu 1 a Milano presso l’Atelier Rubinacci

tollegnotollegno 2

 

Nel segno della continuità la proposta dell’azienda biellese per la prossima stagione calda elegge 3DWOOL a primo interprete, punta sull’attualizzazione dei prodotti attraverso nuove disegnature, strutture dei tessuti, mischie di fibre e filati, speciali armature e colori che promuovono gli effetti cangianti, le delavature e le doppie tinture. Risultato? Una collezione contemporanea e dinamica che esce dai canoni consueti e abbina stile e performance senza mai dimenticare anche la sua anima più classica. Il tessuto d’eccellenza 3DWOOL è stato presentato ieri  dal brand in collaborazione con Atelier Rubinacci ,durante una serata-evento tenutasi in  Via Gesu 1 a Milano, a chiusura della prima giornata a Milano Unica.  Dopo una prima fase dedicata al taglio del tessuto, effettuata lo scorso luglio sempre in occasione dell’edizione estiva 2018 della Fiera dei tessuti milanese, ieri il celebre sarto ha proceduto a guidare i presenti nel primo fitting e nell’imbastitura di un abito su misura realizzato con il tessuto di Tollegno 1900.

 

Oltre la stagionalità”: questa la linea guida della collezione tessuti primavera/estate di Tollegno 1900 per il 2020 che fa di 3D WOOL, realizzato in lana elasticizzata mono o bi-stretch, la sua punta di diamante. Forte delle sue caratteristiche intrinseche che lo rendono perfetto per capi eleganti, confortevoli, performanti e distintivi, sartoriale per DNA grazie alla possibilità di acquistare tagli “ready to make” funzionali per abiti su misura, 3DWOOL risponde alle esigenze dell’uomo contemporaneo che ricerca unicità e uno stile personale frutto anche di una bunch di 56 colori a stock service.

Contemporary Tradition”, da pay off identificativo del brand, diviene così espressione di un life style che trova nell’area Lounge dello spazio espositivo allestito per la 28esima edizione di Milano Unica (5/6 Febbraio 2019 – Rho Fiera, Milano) la sua sublimazione: nero, arancio e grigio, tonalità emblema di 3DWOOL, danno vita a un ambiente caldo e ad atmosfere cariche di suggestione, affidate alle tonalità degli arredi, a una carrellata di foto in bianco/nero dedicate alla storia aziendale e a un’isola-reception rinnovata grazie a pannelli di tessuto che la circondano. Dynamic, daily e different, 3D WOOL dà voce così alla filosofia Tollegno 1900 per la collezione 2020 improntata su prodotti moderni nel gusto, nelle performance e nella progettazione che, utilizzando avanzate tecnologie, permette di dare una nuova veste anche al capo più classico e formale.

ATTUALIZZARE: IL DIKTAT

Tutto ha inizio dalla Lana Merino che, in purezza come in mischia con fibre e filati di valore (cotone, lini, seta, cammello e viscosa), declina una collezione di pregio, resa moderna dallo studio di nuove disegnature (fantasie e colori), tipologie (strutture dei tessuti) e accoppiamenti di colori che puntano sugli effetti cangianti del “solaro”, sulle “delavature” dei lini, sulle doppie tinture di fibre diverse e su rinnovate tonalità “extramelange” dei tessuti bi-strech.

Speciali armature abbinate a tessuti elasticizzati e l’uso di filati fiammati realizzati con mix di fibre naturali permettono inoltre di sviluppare giacche, pantaloni e abiti dal forte imprinting contemporaneo e dall’allure tenacemente “italian style”.

GIACCHE: ICE LINEN E RAINMAKER I MUST

Ricerca e sperimentazione: queste le parole che delineano la collezione di giacche per la p/e 2020 che propone micro-disegni, quadri ton sur ton e fantasie grintose in cui macro quadri bianchi sposano i toni dei blu e dei beige. Tutto assume così una nuova immagine: il super-classico damier a tre colori appare diverso perché proposto con filati speciali e il blazer maschile non appare scontato grazie a fondi tridimensionali stretch, lussuose strutture in cammello e seta, effetti “seersucker” in lana/cotone, stuoie irregolari fiammate stretch con effetti di doppia tintura.

Uno spazio d’eccellenza se lo ritagliano le proposte dell’etichetta “Ice Linen”, che promuove nuovi effetti di armature o di colore utilizzando filati fantasia per caratterizzare i fondi e speciali delavature sui lini, e la capsule collection “The rainmaker”. La sua essenza tech è resa possibile dall’uso di lana elasticizzata accoppiata a membrane in poliuretano e trattamenti water repellent.

ABITI: NON SOLO CLASSICO

Tele, saie e batavie di Lana Merino, Lana Merino super 100’s e super 120’s reinterpretate nei disegni e nei colori danno spazio ad abiti naturalmente “classici”, mentre prodotti in fantasia elasticizzata anche con miste di fibre naturali “disegnano” soluzioni contemporanee. Contemporaneità espressa anche attraverso lo studio di effetti “brinati” in seta, traslucidi e “shantung” in lana/seta e “maltinti” in seta/mohair ideali per la cerimonia o la sera. Appeal giovane, invece, per gli abiti da giorno in lana/cotone/lino fiammati stretch e per quelli dal caratteristico effetto cangiante del “solaro” proposti in due versioni (lana/lino e lana/cotone stretch). Anima “adventure”, infine, per i tessuti dell’etichetta “Voyager” realizzati con l’esclusivo filato 3 capi presentato anche in mischia con la seta.

PANTALONI: MILLE SFUMATURE DI COLORE

Dai classici ai basici in lana sino ai super-confortevoli stretch lavabili in acqua a 30° C: i pantaloni p/e 2020 sono il frutto di un ampio studio di armature mono e bi-stretch in vari pesi e di una “rivoluzione” nelle opzioni colore. Accanto a una nuova cartella di “extramelange” riservata alla tela bi-stretch, si posiziona infatti una gamma ampliata di melange tradizionali, una completa palette per i tinti in pezza che permettono di interpretare con infinite sfumature tutti i tessuti e una innovativa proposta di speciali filettature “fluo” per i disegni fantasia.

Lo stile inizia anche dalla scelta della tonalità.

SPAZIO ALLA STORIA

Milano Unica oltre che palcoscenico della nuova collezione sarà anche vetrina per la presentazione di un nuovo numero della serie “Quaderni dell’Archivio” in cui immagini e acquerelli originali rappresentano le partecipazioni di Tollegno 1900 alle fiere e manifestazioni di moda dal secolo scorso. Numero “4” di una collana unica del suo genere, il nuovo quaderno integra le precedenti uscite rispettivamente dedicate alla storia dell’azienda e dell’archivio (n. 0), al mondo di “Lana Gatto” (n. 1), alla moda femminile dagli anni quaranta agli anni settanta in riferimento ai tessuti prodotti da Tollegno 1900 con un approfondimento su LanBe (n. 2) e alla moda maschile dagli anni quaranta agli anni settanta in riferimento ai tessuti dell’azienda con un focus sul primo festival di moda maschile svoltosi a Sanremo

a cura della redazione