Accademia Italiana della Cucina e Antonio Vallardi presentano la Guida alle Buone Tavole della Tradizione (edizione 2019). Notevolmente ampliata e particolarmente curata nella raccolta delle informazioni.

 

cover

Nella splendida sala Galilei B dell’Hotel Principe di Savoia, Accademia Italiana della Cucina e Antonio Vallardi Editore hanno presentato ieri la Guida alle Buone Tavole della Tradizione (edizione 2019).
Durante la presentazione tre importanti e autorevoli voci del mondo dell’ editoria e della cultura hanno parlato del complesso mondo delle guide gastronomiche e del loro futuro:
Marcella Meciani Direttore editoriale di Vallardi Editore, casa editrice con oltre 250 anni di storia. Marcella ha al suo attivo un’esperienza pluridecennale nel settore librario dove ha sempre avuto importanti ruoli di responsabilità.
Carlo Ottaviano giornalista professionista. Direttore del mensile del Libro e della Lettura “Leggere:Tutti”. È stato tra l’altro direttore dei mensili Il Gambero Rosso e Vie del Gusto, di importanti emittenti televisive regionali e membro di consigli di amministrazione di società editoriali.
Paolo Petroni: Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina. Scrittore e giornalista pubblicista, si occupa professionalmente di consulenze di marketing e di ricerche di mercato. I suoi numerosi libri di cultura gastronomica sono noti ed apprezzati sia in Italia che all’estero per la chiarezza espositiva, il rigore storico, la completezza e la semplicità delle ricette che propone.
Paolo Petroni “La nuova edizione della Guida alle Buone Tavole della Tradizione, per la prima volta disponibile anche in libreria, si presenta ai lettori notevolmente ampliata e particolarmente curata nella raccolta delle informazioni. Questa guida ha il preciso scopo di valorizzare quei ristoranti che consiglieremmo al nostro amico che viene a visitare la nostra città”.
Accademia Italiana della Cucina (AIC) e i suoi obiettivi:
Fondata il 29 luglio 1953, a Milano, da Orio Vergani con un gruppo di qualificati esponenti della cultura, dell’industria e del giornalismo, l’Accademia Italiana della Cucina, dal 2003 Istituzione Culturale della Repubblica Italiana, ha lo scopo di tutelare le tradizioni della cucina italiana, di cui promuove e favorisce il miglioramento in Italia e all’estero.
Attraverso il suo Centro Studi, le sue oltre 300 Delegazioni, 222 in Italia e 81 nel mondo, opera affinché siano promosse iniziative idonee a diffondere una migliore conoscenza dei valori tradizionali della cucina italiana, che costituiscono la base per ogni concreta innovazione.

a cura della redazione