#ADERENZADIABETE – In farmacia, per educare e prevenire Con la sinergia di Federfarma Lombardia, Regione Lombardia e AstraZeneca

aderenza 1

Milano. Lunedì 18 dicembre alle ore 11.00 nella Sala Falcone del Palazzo della Regione verrà presentata la Campagna di prevenzione al diabete e il logo #ADERENZADIABETE, nati dalla collaborazione di Federfarma Lombardia, Regione Lombardia e AstraZeneca, e in concomitanza con l’attuazione della normativa della presa in carico del paziente cronico (art. 9 della legge regionale N. 33/2009).

Alla presentazione, presieduta da Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, e moderata dal giornalista Lorenzo Verlato, interverranno Emilia De Biasi, Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia, Francesca Patarnello, VP Market Access & Government Affairs Astrazeneca, Stefano Genovese, Responsabile dell’Unità di Diabetologia, Endocrinologia e Malattie Metaboliche del Centro Cardiologico Monzino, Gabriella Levato, medico di medicina generale e Vice Segretario Regionale Fimmg Lombardia, e Gerardo Medea, Responsabile Nazionale SIMG dell’area endocrinologica e diabetologica.

L’alimentazione corretta e la quotidiana attività fisica rappresentano due fattori fondamentali per mantenere un buono stato di salute e per prevenire le principali malattie croniche, come il diabete. L’aderenza alle terapie nel caso di insorgenza del diabete o la sua prevenzione tutela la salute del cittadino e abbatte in maniera significativi i costi medici.

Sul territorio lombardo sono presenti 2.800 farmacie, in cui operano 11.000 farmacisti e in cui entrano ogni giorno 750.000 persone. Ogni giorno ciascun farmacista dedica mediamente 2 ore del proprio lavoro alla consulenza sanitaria gratuita. Le relazioni di prossimità del farmacista e il suo ruolo professionale gli permettono di instaurare un rapporto di confidenza con gli utenti abituali e di svolgere una funzione potenzialmente attiva nell’educazione, informazione e assistenza personalizzata. Le farmacie lombarde possono quindi dare un contributo importante alla prevenzione e alla aderenza alle terapie attraverso il questionario redatto dal board scientifico, con cui sarà possibile valutare il rischio di sviluppare il diabete nei prossimi anni e comprendere, se in presenza della malattia, quale sia l’approccio alla terapia.

“In Lombardia ci sono circa 580.000 diabetici, 430.000 sono quelli noti e 150.000 quelli che non sanno di esserlo” dice l’assessore Gallera. “Il 90 per cento del totale assume farmaci e costa al servizio sanitario regionale 3.000 euro all’anno che possono arrivare fino a 36.000 in caso di complicanze. Possiamo quindi confermare che il diabete è una delle patologie croniche a più ampia diffusione e costituisce una delle più rilevanti e costose malattie sociali della nostra epoca, soprattutto per il suo carattere di cronicità, per la tendenza a determinare complicanze nel lungo periodo e per il progressivo spostamento dell’insorgenza verso età giovanili. Una maggiore attenzione ai pazienti cronici, come i diabetici, è uno degli obiettivi che intendiamo perseguire con la nostra legge di riforma del sistema socio sanitario”.

“Il ruolo della farmacia nel rapporto con il paziente cronico è essenziale nella gestione della quotidianità della malattia”, aggiunge Annarosa Racca Presidente di Federfarma Lombardia. “Il diabete è una malattia ormai estesamente diffusa, ed è indispensabile creare dei progetti per prevenire o successivamente gestire il decorso della malattia. Il paziente diabetico trova in farmacia, il farmacista come referente di prossimità, che lo segue anche per quanto riguarda lo stile di vita”.

“Certi che il nostro impegno verso i pazienti non si esaurisca con la cura ma parta proprio dall’ascolto dei bisogni dei pazienti e dalla prevenzione, siamo particolarmente orgogliosi di questa partnership con la Regione e Federfarma Lombardia: un esempio concreto di centralità del paziente” commenta Francesca Patarnello, VP Market Access & Government Affairs Astrazeneca

a cura della redazione