Alimentare: Ferrarini dal 13 novembre a Toronto da Eataly. Il brand è già presente da anni negli store di New York, LasVegas, Chicago, Boston e Los Angeles

ferrarini 1ferrarini 2

 

Alimentare: Ferrarini dal 13 novembre a Toronto da Eataly.  Il brand è già presente da anni negli store di New York, LasVegas, Chicago, Boston e Los Angeles
Lisa Ferrarini: “Il Canada è un mercato in cui crediamo molto e in cui grazie al Ceta puntiamo a crescere”

“Il Canada è un mercato in cui crediamo molto e la presenza da Eataly rappresenta un tassello importante per la notorietà del brand nel Paese. Il Ceta è una parte fondamentale delle strategie di politica commerciale dell’Unione europea, e a noi italiani sta dando un buon riscontro.”
Lo dichiara la presidente di Ferrarini Spa  Lisa Ferrarini nell’annunciare l’ingresso dei prodotti dello storico marchio di Reggio Emilia  in Canada nel nuovo Eataly di Toronto che sarà inaugurato il 13 novembre al Manulife Centre.

Ferrarini porta da Eataly i prodotti simbolo del Made in Italy  e rafforza la sua presenza sul mercato nord americano, dove negli ultimi 2 anni ha segnato un forte incremento delle vendite.
Oltre al Prosciutto di Parma stagionato nelle cantine di Lesignano de’ Bagni, ai Salami e alla Mortadella, è molto apprezzato negli store statunitensi il Burro non OGM, ottenuto esclusivamente con il latte proveniente dagli allevamenti delle Fattorie Ferrarini.

I prodotti Ferrarini si trovano anche nei menù dei risoranti all’interno di Eataly e ,con Toronto, il brand diventa presente in tutti i negozi Eataly nel Nord America, da New York a Chicago, da Boston a Los Angeles e da gennaio a Las Vegas.
In linea con il motto di Eataly “Eat, Shop, Learn”, Ferrarini sostiene le vendite con continue attività di degustazione in cui vengono illustrati, da personale esperto, i processi produttivi, la storia dei prodotti, le caratteristiche organolettiche e gli abbinamenti e utilizzi ideali anche per il mercato locale.

Continua, quindi, la crescita all’estero per Ferrarini, anche grazie al grande interesse suscitato, durante l’ultima ANUGA di Colonia (la più importante manifestazione fieristica mondiale dell’alimentare), dalla gamma di prodotti Ferrarini che rappresentano il fiore all’occhiello del Made in Italy, espressione compiuta dell’italianfoodphilosophy. Grazie all’offerta completa dell’alimentare italiano di alta qualità, Ferrarini è che oggi è presente in 34 paesi ed è tra i leader di mercato nel food made in Italy di qualità in  Giappone, USA, Svizzera, Spagna, Hong Kong e in importanti Paesi del Sud Est Asiatico come  Singapore e Thailandia.

“Dietro ogni prodotto Ferrarini – spiega il direttore marketing Claudio Rizzi – c’è una filosofia, un’idea fatta di Tradizione e Storia, come quella millenaria dell’ Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia; c’è un viaggio alla scoperta dei nostri luoghi e delle Fattorie Ferrarini dove si coltivano il foraggio per alimentare le mucche da latte per la produzione del Parmigiano Reggiano NON OGM. C’è un saper fare fatto di tanta manualità e grande passione, la semplicità degli ingredienti del Prosciutto di Parma DOP, la particolare sapienza nello scegliere le materie prime e le spezie per ottenere l’esclusivo e apprezzato gusto del prosciutto cotto Ferrarini. Il risultato sono grandi Prodotti simboli del Cibo italiano, il più amato al mondo.”

Fondata a Reggio Emilia nel 1956 , Ferrarini è ormai una tra le più importanti realtà europee nel settore agroalimentare e propone in tutto il mondo, oltre al suo prosciutto cotto, i prodotti tipici dell’italianità: dal prosciutto di Parma alle diverse specialità di salumeria, accompagnate dai prodotti dell’azienda agricola Ferrarini, dalla quale l’attività imprenditoriale ha preso avvio, come il Parmigiano Reggiano DOP, i vini e l’aceto balsamico di Modena IGP e il Tradizionale di Reggio Emilia DOP.
L’area della produzione agricola, delle Fattorie Ferrarini, dalla quale l’attività imprenditoriale ha preso avvio, si è notevolmente sviluppata nel tempo e rappresenta oggi un importante supporto all’attività industriale.
La produzione del “Parmigiano Reggiano DOP” vanta il presidio da parte di Ferrarini dell’intera filiera, dal foraggio, alle bovine da latte, alla lavorazione fino alla stagionatura; nella primavera del 2007 Ferrarini stata inoltre la prima azienda del comprensorio del Parmigiano Reggiano che ha ottenuto la certificazione di prodotto “con latte ottenuto da alimentazione NON OGM”.

a cura della redazione