Bottega in controtendenza: per i dipendenti il lavoro in azienda é preferibile allo smart working

bot
Il lavoro a pieno ritmo in azienda è un valore importante, è un sinonimo di normalità di cui molti sentono la mancanza, anche in tempi in cui lo smart working è diventato una tendenza. A questo proposito i dipendenti Bottega hanno scritto una lettera aperta alla direzione, chiedendo di ritornare a lavorare in azienda, per poter riprendere a condividere i successi e le problematiche professionali, per avere uno scambio continuo con i colleghi, per vivere la socialità aziendale.
Nel mese di settembre che, con la ripresa della scuola, con la normalizzazione del lavoro e con l’avvio della vendemmia, rappresenta il reale inizio di un nuovo anno, lo staff dell’azienda ha inoltre realizzato un video dal titolo “un rientro in grande stile”. Le immagini leggere e accattivanti ritraggono la ripresa del lavoro come un momento di festa, da celebrare con completi eleganti, tacchi vistosi e abiti da sera. Un rientro al lavoro nel segno dell’impegno, dell’allegria e dell’ottimismo, con la convinzione che il futuro si concretizzerà in una progressiva ripresa economica e in un pieno ritorno alla normalità.
I mesi del lockdown e quelli successivi, caratterizzati da una ripresa ancora macchinosa, hanno segnato tanto le aziende quanto i lavoratori. In questo contesto il lavoro da casa è
stato una risorsa importante che, nel corso del picco della pandemia e successivamente, ha consentito alle aziende di andare avanti e ai lavoratori di mantenere il reddito. Tuttavia
sul lungo periodo emergono criticità da non sottovalutare.
A questo proposito Sandro Bottega, presidente di Bottega S.p.A., cantina distilleria di Bibano (TV) dichiara: “In un momento in cui lo smart working viene presentato come
modello, occorre rispettare il giusto equilibrio tra lavoro da casa e lavoro in azienda, considerando che l’indotto (ristoranti, bar e trasporti….) viene fortemente penalizzato.
Inoltre le aziende perdono il confronto interno e il contatto diretto con il prodotto di riferimento, mentre i dipendenti, lavorando da casa in solitudine, rischiano l’isolamento.
Per fare il vino buono gli enologi devono essere presenti in cantina e non a casa davanti al computer, a controllare da remoto la temperatura delle autoclavi.”
Il clima dell’azienda e la condivisione delle idee e delle esperienze sono il carburante per lavorare meglio e per crescere professionalmente, in particolare per i giovani che
arricchiscono la propria formazione, confrontandosi costantemente sul campo e imparando a gestire tanto la soddisfazione per i risultati raggiunti quanto le inevitabili
tensioni che sono parte integrante del mondo del lavoro.

a cura della redazione