CHI E’ CHI SPRING AWARD 2019. Vincono i legami di famiglia e l’innovazione digitale

chi e chi 1chi e chi 2

L’8 maggio al Baglioni Hotel Carlton di via Senato, nella rinnovata cornice del Caffè Baglioni, si è tenuta la terza edizione dei CHI E’ CHI SPRING AWARDSi premi che Cristiana Schieppati, direttore del CHI E’ CHI assegna in occasione di Milano Food City.

L’evento, patrocinato dal Comune di Milano, ha la media partnership de La Cucina Italiana che per l’occasione ha ricevuto un particolare riconoscimento  per il 90° anniversario.

Maddalena Fossati Donderodirettore del brand La Cucina Italiana  è stata premiata da  Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività Produttive, Moda e Design  del Comune di Milano e dallo chef Davide Oldani. Per festeggiare questa ricorrenza  tutti i vincitori hanno ricevuto  in omaggio un corso di cucina presso La Scuola de La Cucina Italiana.

La premiazione ha visto protagonisti gli ambasciatori dello “spring mood” che lavorano con passione, entusiasmo ed energia e che con la loro positività trasmettono empatia in diversi settori.

Hanno ricevuto i CHI E’ CHI SPRING AWARDS 2019 :

CHEF – Nicola di Lena- Pastry Chef, Mandarin Bar & Bistrot  e Ristorante Seta
PERSONAGGIO TELEVISIVO: Ellen Hidding
COMUNICAZIONE: Rosa Fanti, moglie di Carlo Cracco
LEGAMI DI FAMIGLIA: Raffaella e Gigliola Curiel, stiliste alta moda e ambasciatrici del made in Italy.
AZIENDA GREEN : Chiara Rossetto, Amministratore Delegato di Molino Rossetto
IMPRENDITRICE INNOVATIVA Cristina Fogazzi, @EstetistaCinica
INFLUENCER: Giulia Valentina
UNA VOCE PER LE DONNE:Jo Squillo, cantante e conduttrice televisiva
RISTORANTE: Enrico Buonocore, Langosteria

L’evento è stato organizzato in collaborazione con SEAT(Casa automobilistica di Barcellona e parte del Gruppo Volkswagen) con la partecipazione di Juliana Moreira, SEAT ambassador, come madrina della serata. A lei il compito di consegnare tutti i CHI È CHI SPRING AWARDS 2019. Inoltre SEAT Tarraco, il SUV di grandi dimensioni recentemente lanciato dal marchio, ha accompagnato gli ospiti al Baglioni Hotel Carlton interpretando alla perfezione lo Spring Mood dell’evento, con una versione appositamente brandizzata per l’occasione. Infine, un’edizione speciale di SEAT Arona esposta nel giardino dell’hotel ha catturato gli sguardi dei presenti con i suoi colori il suo design a tema.

I Chi è Chi Awards sono supportati da Calearo Antenne, leader nella connettività ed ha visto la partecipazione del Presidente Massimo Calearo Ciman.

Ferrarini, storico marchio fondato nel 1956, riconosciuto in tutto il mondo per i suoi prodotti simbolo del Made in Italy ha presentato un angolo gourmet con due nuovi prosciutti cotti top di gamma 100% italiani, il “Big Storico” e “Il Nazionale” e diverse specialità di salumeria accompagnate da prodotti dell’azienda agricola Ferrarini come il Parmigiano Reggiano Dop.

Apprezzato come sempre l’angolo gourmet offerto dal Baglioni Hotel Carlton con degustazione accompagnata dai vini dell’Azienda Mazziotti di Bolsena (TV), fondata nel 1900.

MOOD è la style water della serata. E’ l’acqua di chi consapevolmente sceglie il proprio stile, di chi cerca un accessorio che possa rappresentarlo in ogni momento. Con il nuovo payoff “your style water” Acqua MOOD non impone uno specifico stile ma è complice delle persone dando loro la possibilità di esprimere il PROPRIO, UNICO STILE. Naturale e frizzante, in una bottiglia trasparente dal design fortemente distintivo, è disponibile nei formati 500 ml e 810 ml.

Collistar regala agli ospiti il Fluido di Idratazione Profonda della Linea Speciale Corpo Perfetto, arricchito con l’estratto di Peonia Italiana e contenente l’Idro-Attiva® Complex. Per i vincitori invece uno speciale set di trattamenti per il viso della Linea l’Idro-Attiva®, sempre con l’estratto di Peonia Italiana, e alcune specialità della Linea Uomo.

La profumazione della serata è affidata a Wally, Casa Fondata nel 1925 che omaggia con i profumatori d’ambiente realizzati artigianalmente nei laboratori di Montemurlo, utilizzando materie prime Made in Italy.

foto credit @stefanotrovati

a cura della redazione