Fontanot Design: la nuova linea firmata Fontanot rivolta alla E-Commerce

fontanotfontanaot 2

Con un’expertise di oltre 70 anni nella progettazione e produzione di scale, e l’ampliamento della gamma con l’introduzione di nuove linee come quelle delle finestre, delle ringhiere e balaustre, modulari e personalizzabili, completamente Made in Italy, Fontanot lancia un’originale e divertente collezione di elementi di arredo, firmati da celebri designer contemporanei, riservata all’e-commerce: Fontanot Design. A fare da cornice all’evento di presentazione, la prestigiosa sede milanese del Gruppo Vinicolo Santa Margherita in via Durini, una location scelta a seguito della recente collaborazione tra le due aziende, che ha visto Fontanot firmare la realizzazione della nuova scala di collegamento dei due piani, su progetto degli Architetti Maurizio Condoluci e Luca Aureggi dello studio Westway Architects di Roma.
Fontanot Design comprende mobili e complementi di arredo funzionali e pratici, realizzati con uno stile contemporaneo e sviluppati grazie alla grande passione dell’azienda riminese per il design, con le essenze naturali del legno, come betulla, massello di faggio e massello di rovere. Le prime due collezioni della nuova linea living di Fontanot,
Altaquota e Workbench, firmate rispettivamente da Lorenzo Damiani e Laura Mrkša, disponibili esclusivamente sullo shop online di Fontanot, https://it.fontanotshop.com/ , si presentano con elementi divertenti e al contempo studiati per soddisfare le esigenze tipiche dei diversi momenti della giornata e dei diversi ambienti della casa, grazie ad alcune particolarità che li rendono unici.

Altaquota di Lorenzo Damiani

Si compone di originali pezzi di arredamento il cui elemento chiave è la scala. La “scala” si collega in modo innovativo a panche, mensole o consolles diventando parte funzionale di un arredamento in cui l’oggetto assume più valenze. Una collezione dove gli oggetti sembrano collaborare insieme per rendere più comodo, più pratico e più
funzionale il vivere quotidiano. “Oggetti della memoria, disegnati dal tempo e ora reinterpretati con scarti minimi, definiscono una collezione dai tratti silenziosi, essenziali e lineari, in cui gli oggetti sono accomunati dalla dichiarata funzione di permettere al fruitore di raggiungere oggetti, o di svolgere attività, innalzandosi da terra anche solo un po’.” Così la definisce il designer Lorenzo Damiani.

Workbench Collection di Laura Mrkša

La collezione della designer croata è uno “spazio di lavoro” funzionale. Grazie alla sua semplice chiarezza, Workbench invita chi la utilizza a modellare e creare continuamente in un modo sempre nuovo.
La combinazione di contenitori modulari, visibili e a portata di mano, il piano personalizzabile e una ampia collezione di sedute rende la collezione Workbench perfetta per qualsiasi artigiano “postindustriale”, dai gioiellieri ai fotografi e dagli artisti agli stilisti di moda. La possibilità di regolare più e più volte ogni singolo segmento per adattarlo alle
esigenze personali rende Workbench la sintesi di generico e unico in un sistema di vita. “Il design di questa collezione è stato ispirato dalla necessità degli artigiani di un ambiente di lavoro ordinato e strutturato.
La mia intuizione di partenza è stata l’importanza della modularità per soddisfare tale bisogno. Per questo motivo, ho ideato una struttura base che diventa davvero utile solo quando viene personalizzata” ha dichiarato Laura Mrkša.

Il successo dell’e-commerce e l’architetto online

Le nuove collezioni si aggiungono ad una serie di primi prodotti living “no brand” che Fontanot ha iniziato a commercializzare sul sito, dati gli ottimi risultati riscontrati dalle vendite online di scale. In base a quanto dichiara Alberto Baistrocchi, responsabile web ed e-commerce dell’azienda, “grazie ad una platea di 800.000 utenti e 3.000.000 di pagine visitate all’anno sul nostro network distribuito su 12 Paesi, abbiamo iniziato a incrementare il fatturato online del 30% ogni anno con un carrello medio europeo di circa 1.000 Euro.”
Un successo determinato dalla eccezionale qualità del prodotto modulare venduto sull’e-shop e dall’efficace servizio di assistenza e supporto ai clienti, i quali beneficiano anche di un servizio di consulenza unico: l’architetto online, un personal shopper con il
compito di accompagnare all’acquisto tutti quei clienti che hanno esigenze complesse. Un vero e proprio team messo a disposizione da Fontanot, composto da esperti qualificati che parlano 12 lingue e in grado di dare una risposta tempestiva alle differenti necessità di
progettazione e realizzazione.
Per Laura Fontanot, vice-presidente e business developer dell’azienda, “la nostra sfida per il futuro è l’integrazione dei canali.
Siamo coscienti di dover essere presenti su ogni canale commerciale, per sfruttare al massimo le opportunità di vendita disponibili e per aumentare la visibilità e notorietà del marchio. Da qui la grande importanza dell’e-commerce che integra la grande offerta del punto vendita fisico dandoci la possibilità di raggiungere un pubblico sempre
più vasto con nuove linee di prodotto.”

ABOUT FONTANOT

“I began manufacturing indoor staircases in the 70’s” (Enzo Fontanot)Così ha inizio la storia dell’azienda Fontanot, esponente di punta nel settore dell’Industrial Design
Internazionale, che ha contribuito a trasformare la Scala da prodotto tipicamente artigianale, in un progetto industriale capace di rivoluzionare l’abitare. Fiore all’occhiello del “made in Italy” nel mondo, per la cura del dettaglio, l’eleganza e l’alta qualità, l’azienda italiana opera sul mercato da 70 anni e si contraddistingue per i forti valori da cui è motivata, come la sicurezza e il rispetto per l’ambiente. Un’impresa familiare che ha
saputo trasformare le scale in una vera e propria oasi del design, coniugando perfettamente tradizione e innovazione, e divenendo partner d’eccellenza di importanti studi di architettura grazie alla spiccata capacità di tradurre in realtà ogni esigenza progettuale. L’azienda oggi si muove parallelamente su 4 target: la divisione contract lavora su progetti “custom made“ complessi e sulle grandi commesse mentre la divisione consumer soddisfa le esigenze di ogni tipo di interior attraverso una grande offerta di modelli e servizi, e-commerce prodotti esclusivi e il DiY per chi ama il fai da te.
Alcuni dei più recenti progetti realizzati dalla Divisione Contract:
- Bosco Verticale – Milano: scala della lobby di ingresso per il complesso residenziale premiato dal Museo di Architettura di Francoforte nel 2014 come Grattacielo più bello del mondo.
- Torre Allianz – Milano: scala di raccordo tra le hall per il grattacielo progettato dall’architetto Arata Isozaki.
- UniCredit Pavilion – Milano: scala principale per il nuovo spazio polifunzionale disegnato dall’architetto Michele De Lucchi.
- Penthouse ONE-11 – City Life – Milano: scala all’interno del lussuoso attico della Residenza disegnata da Zaha Hadid.
- Residenza Saint Castle Village – Sud Corea: 1000 scale della collezione Genius commissionate dall’impresa Dong Wong.
- Luxury Hotel”Il Sereno”- Como: scala principale per l’hotel di lusso disegnato dal designer Patricia Urquiola.
- Residence Montagnola – Lugano: scala principale per il residence progettato dall’architetto Richard Meier.
- Trebazio4 – Fontanot arreda e riveste gli esterni di Trebazio4 con le ringhiere modello Glass In e Glass On aggiungendo prestigio ed esclusività a questo edificio residenziale.
- Sunset Drive – Costa Blanca (Benidorm): lujo con la magnifica escalera LaFon
- Nuovo showroom Iter di Ruggeri a Sestu, Cagliari: tutto dedicato al mondo della casa con la scala LaFont Prestige, completata da 30 metri di balaustra Glass On.
- Nuovo showroom Grohe in collaborazione con lo studio italiano di architettura luoghiCOMUNI, direttodall’arch. Enrico M. Turella.
- Sede milanese del Gruppo Vinicolo Santa Margherita, realizzazione della scala d’ingresso con soppalco in collaborazione con lo Studio Westway Architects di Roma.
- Herno SpA HQ, scala di collegamento uffici piano terra e piano secondo in collaborazione dello Studio Architettura Mancuso e Turba Associati.

a cura della redazione