Grande successo del crowdfunding “Un pontile per Baura!”. Con la raccolta fondi di Metropoli di Paesaggio, da ottobre Baura avrà un pontile, una panchina, una rastrelliera per le bici e l’illuminazione

baurametro

 
Si è conclusa il 21 giugno la campagna di crowdfunding dell’associazione Metropoli di Paesaggio con l’obiettivo di raccogliere, in 60 giorni, 3.000 euro per poter costruire un pontile a Baura (Fe). Grazie ai 141 sostenitori l’obiettivo è stato raggiunto e superato, raccogliendo 5.515 euro (il 184% della quota necessaria): a ottobre potrà quindi essere inaugurato il nuovo pontile con una panchina, una rastrelliera per bici e l’illuminazione nell’area dell’attracco così da rendere il nuovo angolo di paesaggio sul Po di Volano fruibile anche di sera.
Grande soddisfazione è stata espressa da Benedetta Brighenti, Presidente AESS (tra i promotori della campagna) “I miei ringraziamenti più sinceri a tutti coloro che hanno creduto e credono nel progetto e tramite il crowdfunding hanno voluto contribuire direttamente a sostenere un’idea di territorio che si intreccia con comunità, nuove economie, salute e socialità e che a Ferrara inizia finalmente a prendere forma! L’auspicio è che Metropoli di Paesaggio possa divenire presto modello replicabile in altre aree del
Paese e anche oltre.”
“Dopo la realizzazione del pontile di Vigarano Pieve – afferma Chiara Franceschini, presidente dell’associazione Metropoli di Paesaggio – il nuovo approdo a Baura sarà un’altra occasione per sperimentare la navigabilità del ferrarese e scoprire il nostro paesaggio, nonché per dimostrare la praticità di spostamento con bici e barca e i benefici ambientali, sociali ed economici che ne derivano. Oltre alla soddisfazione circa la risposta positiva del territorio e ai ringraziamenti, da parte dell’associazione, per la partecipazione sentita, preme evidenziare come la sensibilità della collettività riguardo a questi temi sia in
costante aumento. Questo fa ben sperare per i prossimi traguardi.”
Tante le aziende che hanno scelto di sostenere il progetto: DÉCO SpA (rivestimenti in legni compositi e naturali), Blu-e (progettazione e consulenza tecnica), Robur Asfalti (movimenti-terra e posa in opera), Zumtobel (corpi illuminanti), CNA Impresa Donna, Proloco di Baura, Associazione Fiumana APS, Garden Club Ferrara, Cooperativa Sociale Integrazione Lavoro, Punto 3 Srl (progetti per lo sviluppo sostenibile), Emil Banca Credito Cooperativo – Contagio Solidale.
Il sostegno della SPAL non è mancato: la società biancazzurra, sensibile alle iniziative programmate sul territorio, ha donato 50 maglie gara per il raggiungimento dei fondi, nonché in vista delle prossime campagne di raccolta.
Visit Ferrara, il Consorzio degli operatori turistici della Provincia di Ferrara, credendo nell’impatto economico e sociale dell’iniziativa, ha contribuito alla raccolta offrendo delle visite guidate alla città con una guida turistica abilitata per la Regione Emilia Romagna.
Metropoli di Paesaggio crede fortemente nei benefici ambientali, sociali ed economici che la mobilità terra-acqua può portare al nostro territorio e per questo investe in progetti sostenibili e al servizio dei cittadini. La bicicletta, la barca, il treno e il bus elettrico, se messi a sistema, sono mezzi pratici ed economici non solo per i turisti ma anche per il quotidiano della collettività: la mobilità lenta va veloce.

Oltre all’aspetto economico, la campagna ha attivato un canale di dialogo con e per le comunità del territorio direttamente interessate dal progetto. Con il coinvolgimento della comunità di Baura, che ha già dimostrando generosa attenzione nei confronti dell’iniziativa, scopriremo la ricchezza di attività che può generare una via d’acqua con un pontile funzionante.

CHE COS’È METROPOLI DI PAESAGGIO E CHI LA PROMUOVE?
La strategia di sviluppo territoriale di Metropoli di Paesaggio ambisce a valorizzare e riqualificare il paesaggio attraverso una rete di mobilità intermodale terra-acqua (ciclabili, bus elettrici così come battelli sulle vie d’acqua) a servizio del territorio ferrarese e
delle province limitrofe. Metropoli di Paesaggio potrà innescare diverse ricadute positive. Sull’ambiente: miglioramento della qualità dell’aria, più efficace gestione dell’assetto idrogeologico dei nostri canali, riduzione dei gas serra. Nel sociale: ripopolamento
delle periferie e recupero di coesione sociale, aumento della sicurezza stradale. Sul fronte economico: rivitalizzazione di economie
locali in chiave turistica ma anche rigenerazione degli spazi periferici con creazione di nuovi servizi ed economie. Metropoli di Paesaggio è stata ideata da un gruppo di soggetti locali rilevanti come AMI, SIPRO, Città della Cultura/Cultura della Città, ICOOR.
Sul territorio abbiamo inoltre al nostro fianco altri importanti supporter, come la Società Polisportiva Ars et Labor, che sostiene il progetto sin dal suo inizio.
A maggio 2018 AESS (Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile) assieme al resto del gruppo, grazie a un bando EIT Climate- KIC, inizia a lavorare su un primo studio di fattibilità che consente di quantificare gli investimenti necessari per una parte del
sistema. È anche a seguito di tali risultati che l’Autorità di Bacino del Po decide di sostenere il progetto. Metropoli di Paesaggio (ampliando il gruppo ai partner Dedagroup Public Services, Fondazione Bruno Kessler e Politecnico di Milano) ha vinto un secondo bando EIT Climate-KIC, con l’obiettivo di concretizzare, attraverso sperimentazioni, le idee di mobilità sostenibile intermodale terra-acqua sin qui discusse, consentendo ai cittadini di testare in modo diretto nuovi e più intelligenti modi di spostamento quotidiano, con sensibile miglioramento della qualità della vita. A marzo 2020 nasce infine, formalmente,
l’Associazione Metropoli di Paesaggio.

a cura della redazione