Il racconto inedito di Ivan Cotroneo e una full immersion di creatività per il numero da collezione di Style Magazine in edicola mercoledi 15 luglio

StyleStyle 2

“I nuotatori” scritto da Ivan Cotroneo per Style Magazine, diventa anche podcast, narrato da Alessio Boni
I giovani attori Laura Adriani, Alberto Boubakar Malanchino, Matteo Oscar Giuggioli, negli scatti di Max

Vadukul, protagonisti di copertina e del servizio moda
Style lancia l’iniziativa social #luogodellanima

In esclusiva su Style: le interviste a Mario Testino e a Carla Sozzani e le immagini dell’inedita mostra “No Space,
Just a Place” concepita dal direttore creativo di Gucci Alessandro Michele e curata da Myriam Ben Salah
Style Magazine, il mensile maschile di attualità e stile di RCS diretto da Alessandro Calascibetta, sarà in edicola mercoledì 15 luglio con un eccezionale numero da collezione, a partire da “I Nuotatori” il racconto inedito di Ivan Cotroneo, accompagnato dalle illustrazioni digitali di Tito Merello Vilar.
Un racconto che diventa anche podcast, narrato dal celebre attore Alessio Boni, e che ispira la cover e il servizio moda del numero con i tre giovanissimi attori italiani Laura Adriani, Alberto Boubakar Malanchino, Matteo Oscar Giuggioli, negli scatti di Max Vadukul.
“In tempi “normali” questo numero sarebbe uscito un mese fa, durante le fashion week, e avrebbe contemplato una rassegna fotografica delle tendenze per il prossimo autunno/inverno.” – spiega il direttore Alessandro Calascibetta – “Abbiamo fatto uno sforzo maggiore per ideare e per realizzare un’edizione decisamente diversa e speciale: un contenitore che raccoglie talenti di generazioni diverse e lontane tra loro che, insieme, danno vita a un vero e proprio laboratorio creativo.”
Contenuti eccezionali per il numero di luglio/agosto di Style, a partire dall’esclusivo racconto inedito “I Nuotatori” scritto da Ivan Cotroneo per Style. Un racconto “dai tratti decadenti, reale e onirico allo stesso tempo” che si svolge in una Forte dei Marmi invernale: ma i flashback del protagonista, Marco, riportano all’estate “vissuta” con Kay e Lou in una sorta di triangolo sentimentale a metà tra realtà e sogno.
Un racconto esclusivo che diventa anche podcast, narrato dalla voce del celebre attore Alessio Boni. Disponibile su Spreaker dal 15 luglio 2020.
Le pagine de “I nuotatori” sono inoltre accompagnate dalle illustrazioni digitali di Tito Merello Vilar che nelle sue tavole, ricrea location e azioni descritte nel testo “vestendo” i tre giovani protagonisti con brand selezionati dalla redazione moda.

E sempre dai tre protagonisti del racconto di Cotroneo, due ragazzi e una ragazza, traggono ispirazione la cover e il servizio moda del numero, negli scatti di Max Vadukul.
Il celebre fotografo sceglie una location surreale: uno sfasciacarrozze, che “rappresenta il passato da demolire”, una Fiat vintage, la 1500, che è “un omaggio all’Italia e al made in Italy” e i tre giovani attori italiani Matteo Oscar Giuggioli (“Gli sdraiati” di Francesca Archibugi), Alberto Boubakar Malanchino (“Summertime” per Netflix) e Laura Adriani (“Il colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini) a rappresentare il presente-futuro con “la voglia di lasciarsi alle spalle non la tradizione o le proprie origini, ma un cumulo di macerie che non rappresentano più il mondo ideale di domani”.

Dall’esclusivo racconto di Ivan Cotroneo nasce anche l’iniziativa social di Style Magazine che a partire dal 13 luglio, prenderà vita attraverso post e stories sui canali Instagram e Facebook della testata e inviterà i lettori a condividere la fotografia del proprio #luogodellanima.

Nel numero, inoltre, tante esclusive: come le interviste a Mario Testino, unica concessa nel nostro Paese, dove il fotografo di moda in attività tra i più conosciuti e apprezzati, annuncia di aver scelto la Sicilia come sua residenza, in un Paese “in cui si apprende attraverso i sensi”, e Carla Sozzani, che ripercorre la sua intensa carriera e lancia nuove idee per il sistema di sfilate e di Fashion week e per un Museo-Accademia della moda a Milano; le immagini dell’inedita mostra “No Space, Just a Place”, concepita dal direttore creativo di Gucci Alessandro
Michele e curata da Myriam Ben Salah, e alcuni passi selezionati di “The Chiffon Trenches”, l’autobiografia di
André Leon Talley, che celebra i suoi 70 anni, di cui 50 nella moda, ripercorrendo la sua carriera e togliendosi alcuni sassolini dalle scarpe. Daniel Radcliffe, l’ex Harry Potter, parla del nuovo ruolo che lo vedrà nei panni di un angelo nella nuova serie tv Miracle Workers, e svela di essersi liberato dalla dipendenza dall’alcol in cui era caduto dopo aver raggiunto, giovanissimo, il successo e rivela che, in realtà, avrebbe voluto essere un poeta; tra arte e moda, infine, Meret Oppenheim: l’artista espressione femminile del Surrealismo che concepì la moda come arte creando oggetti e sculture da indossare anche per Elsa Schiaparelli. Tra le opere più famose: “Déjeuner en Fourrure”: tazzina, piattino e cucchiaino in pelliccia.
L’esclusivo numero da collezione di Style Magazine sarà inoltre sostenuto da una campagna pubblicitaria,realizzata da Hi! Comunicazione, pianificata su tutti i mezzi RCS e attraverso newsletter ai lettori.
Una copia digitale del numero in lingua inglese sarà invece inviata ai buyers di Camera Moda e di Pitti, mentre la copia cartacea del mensile sarà distribuita nel circuito The Best Shop di Camera Buyer.

Ivan Cotroneo, autore eclettico molto amato dal pubblico e dal fashion system è sceneggiatore (“Paz!” e “Mine vaganti”),
scrittore (“La kryptonite nella borsa” e “Un bacio” dai quali sono stati realizzati due film omonimi per il grande schermo
diretti dallo stesso Cotroneo), regista (ha diretto diversi successi anche per la televisione come “Un posto tranquillo”, “Tutti
pazzi per amore” e “La compagnia del cigno” la cui seconda stagione è in lavorazione in questi giorni).
Tito Merello Vilar, di origine iberica, laureato in architettura, ma con un’innata passione per il disegno e discepolo dell’artista
Antonio Miguel González cerca di “conciliare i vari incarichi, sempre più numerosi mano a mano che cresce la mia visibilità sui social”.
Max Vadukul, nato a Nairobi da genitori indiani, negli anni Novanta entra come fotografo nello staff del New Yorker
Magazine, secondo solo a Richard Avedon. Durante il suo percorso professionale ha scattato anche diverse campagne
pubblicitarie (Yohji Yamamoto, Giorgio Armani, Romeo Gigli, Comme des Garçons per citarne alcune) e ha ritratto personaggi del calibro tra i quali Madre Teresa, Aretha Franklin, Salman Rushdie, Roger Federer, Leonardo di Caprio, Ai Weiwei.

a cura della redazione