La Martina. L’autunno-inverno prende ispirazione dai viveur del passato

 

coatdonna 2CarlitosCaballito

Fermarsi per volgere uno sguardo fugace al passato riesce a risvegliare l’ispirazione in più occasioni di quante si pensi – come diceva Diana Vreeland “L’occhio deve viaggiare”. L’occhio La Martina per il prossimo Autunno-Inverno ha deciso di trovare la sua ispirazione compiendo un viaggio che parte dalle terre latine e continua fino alla Parigi sofisticata e silenziosamente sfarzosa raccontata dai viveur a cavallo tra gli anni 40′ e 50′.  Salotti, viaggi, corse automobilistiche, donne dallo charme irresistibile, tornei di Polo e feste mondane: lo stile di vita di un edonista d’altri tempi che risponde al nome di Porfirio Rubirosa, diplomatico dominicano, giocatore di polo e playboy degli anni 50′, è stato il motore che ha ispirato la nuova collezione, in un tributo celebrativo alla vita, alla raffinatezza e al mondo del Polo dentro e fuori dal campo. La collezione è stata concepita partendo dal passato e immaginando un giovane appassionato della disciplina, di cui La Martina è ambasciatrice da oltre 30 anni, con l’idea di seguirlo durante le attività di ogni giorno. Non solo durante l’allenamento in campo ma anche in occasione di quei momenti, al di fuori del gioco, dove l’abito rispecchia il tipico lifestyle vissuto nelle Club House o nei festeggiamenti serali in onore di una vittoria.  Le parole chiave della collezione invernale sono rileggere e reinterpretare, rievocare e celebrare, disfare e ricomporre, sconvolgere ed evolvere restando sempre fedeli ai propri valori e a quelli della disciplina del Polo. Pezzi iconici vengono riproposti con nuovi dettagli e applicazioni, capi intramontabili e tessuti classici vengono introdotti per conferire un sapore al contempo fresco e rievocativo della gloria del passato, sempre all’insegna della sportività che contraddistingue La Martina. Sono quattro le linee proposte. Quattro stili differenti per diverse occasioni: Colección Privada: la selezione di capi per occasioni mondane  Essential: il racconto della tradizione La Martina Polo Player: la linea sportswear Guards: un richiamo allo stile Royal British
Colección Privada: la selezione di capi per le occasioni mondane
Colección Privada rappresenta sin dalla sua nascita, nel 2009, la parte più intima della collezione La Martina. Si tratta di una selezione di capi pensata per vestire i momenti più mondani legati al mondo del polo: dai cocktail alle celebrazioni dopo-partita o agli eventi più formali come per esempio assistere ai tornei dalla Royal Box, la tribuna d’onore all’interno del Guards Polo Club dove l’accesso è consentito solo agli ospiti della famiglia reale. La proposta per l’autunno/inverno 16-17 è pensata per accompagnare il giovane appassionato di polo al di fuori dal campo, con linee e materiali dal fascino retrò che ricordano lo charme d’altri tempi.  Le suggestioni non si fermano al mondo maschile, ma vanno ad arricchire la collezione con capi pensati anche per l’ipotetica compagna che segue il giocatore di polo sia nei momenti social che nelle attività di tutti i giorni, conferendo una nuova allure sia all’uomo che alla donna.  La vestibilità delle camicie, dei blazer e dei pantaloni diventa più avvolgente per l’uomo, mentre per la donna vengono introdotti nuovi volumi con pantaloni palazzo, gonne ampie e bluse dalla manica vaporosa. La novità si percepisce anche nei materiali utilizzati che spaziano dalla lana principe di galles al tweed, passando per la seta e i tessuti lavorati. Un total look dove anche le personalizzazioni e i dettagli si ispirano a quella sensazione di sobria eleganza degli anni delle Dolce Vita: il logo La Martina si presenta più piccolo e realizzato in metallo su una base in alcantara, i patch, anch’essi ridimensionati per forma e dimensione, si alternano ai ricami handmade e alle applicazioni floreali nella donna. Un percorso che muove dal punto di vista di chi vive il polo a 360 gradi, come sport, come stile di vita e come occasione per frequentare persone che condividono gli stessi interessi, di chi, per questi motivi, ama vestire con un look raffinato e versatile per ogni occasione, che non tradisca, però, la propria anima sportiva.   ESSENTIAL: il racconto della tradizione La Martina
Linea continuativa che presenta i capi iconici del brand con i dettagli tradizionali del marchio e che, per l’Autunno-Inverno 2016 è declinata sia nella linea maschile che in quella femminile. Le personalizzazioni sono il vero tratto distintivo della collezione e, restando fedeli all’identità sportswear del brand, ne raccontano la storia e l’evoluzione. Si ritrovano sia i patch che il logo tradizionale che viene, però, abbinato a quello più piccolo ricamato sul petto. La cartella colori è coordinata per l’uomo e per la donna; dominano le tinte del  navy, dell’ottanio e dei verdoni sottobosco abbinati alle sfumature più classiche del grigio mélange e dei panna.

POLO PLAYER: la linea sportswear
Il mood continuativo legato allo sport si ispira per questa stagione al Varsity Match, che vede sfidarsi i club delle più prestigiose università inglesi – Cambridge contro Oxford – sin dal 1872, in diverse discipline sportive. Lo sguardo verso lo stile British viene del tutto naturale, se si considera che La Martina, già fornitore delle polo-shirt dei due team per gli eventi e le manifestazioni sportive, ha in essere un vero e proprio rapporto di co-branding   con i due esclusivi atenei oltre ad essere gemellata con il Guards Polo Club di proprietà della Royal Family.  Un design che ricorda lo stile British college anche nella stampa e nel tessuto regimental che vengono utilizzati all’interno dei colli, come fodere dei capi outdoor e come dettagli nella maglieria.  La palette di colori prende spunto da Oxford e Cambridge iniziando dalle tinte del verde sottobosco e del blu navy, per poi sfumare nelle tonalità autunnali del grigio scuro, del bordeaux e del melanzana.  I patch così come i loghi seguono il concept della collezione riproponendo quelli ricamati sulle polo ufficiali dei team durante il torneo a Guards. Se nell’uomo la proposta di total look è più sportiva, pensata per il giovane rampante che compete durante il torneo, nella linea femminile l’idea è di vestire la spettatrice che, dalla front row della tribuna, tifa per il proprio compagno. Capi, dunque, più femminili che, pur mantenendo la praticità che contraddistingue la linea Polo Player, sono realizzati in tweed e tessuti tecnici ed arricchiti da rouches e tagli godet, in perfetto stile sports luxe.
GUARDS: un richiamo allo stile British
Un total look uomo/donna dove il tratto distintivo è lo stile British che si ritrova non soltanto nell’esplicito richiamo a Guards, il polo club della Royal Family, ma anche nei tessuti, nei ricami e nelle personalizzazioni. La proposta di collezione parte da questo spunto e si sviluppa, poi, secondo due mood differenti ma allo stesso tempo accessori. Da una parte, infatti, una linea pensata per gli ospiti del torneo di Guards che osservano la partita dal Royal Box, la tribuna d’onore della famiglia reale. Uno stile elegante adatto alle occasioni più formali ma, allo stesso tempo, spogliato del rigore richiesto dall’etichetta di corte e reinterpretato con un gusto contemporaneo. Un design che, per la donna, ne esalta la femminilità grazie ai tagli semplici e sofisticati degli abiti in seta, dei pantaloni palazzo in ciniglia e dei capi con ricami con filo metallico. Non mancano le proposte iconiche, come le giacche per l’uomo e per la donna di ispirazione militare realizzate nelle tinte dell’oro e del nero ed impreziosite dal patch di Guards ricamato a mano ton sur ton, che ben si sposano con un design tanto pulito quanto sofisticato. Dall’altra parte, una linea che riflette sempre l’influenza British ma è stata disegnata per un pubblico più giovane dove la lavorazione dei tessuti fa miracoli di pulizia delle forme. Seguendo questo concept, sono stati inseriti in collezione i jeans in denim con spalmatura effetto pelle per l’uomo e per la donna i biker jeans con tessuto leather coating e zip a contrasto sulle tasche. Per la parte outerwear sono proposti, nell’uomo, il parka smoked grey mentre nella donna la felpa matelassé nera. La palette di colori inizia dalle tinte scure del nero, per poi sfumare nel grigio scuro e terminare nelle tonalità del bordeaux passando per il verdone.

a cura della redazione