L’arabesque presenta: “IL JIZO CON IL CAPPELLO DI PAGLIA” una mostra fotografica che resterà aperta al pubblico fino al 31 ottobre (escluse le domeniche) dalle 10:30 alle 19:00

immago 1immago 2immago 3immago 4

Un progetto della fotografa Carlotta Bertelli e dell’Art Director Gianluca Guaitoli che svelano la favola giapponese in 26 immagini di “fotografia artigiana” stampate a mano in camera oscura a colori e in bianco e nero.

La mostra è stata inaugurata ieri e resterà aperta al pubblico fino al 31 ottobre (escluse le domeniche) dalle 10:30 alle 19:00.

E’ stata inaugurata ieri nello spazio l’arabesque di Largo Augusto 10, la mostra fotografica “IL JIZO CON IL CAPPELLO DI PAGLIA”. Un progetto della fotografa Carlotta Bertelli e dell’Art Director Gianluca Guaitoli che svelano la favola giapponese in 26 immagini di “fotografia artigiana” stampate a mano in camera oscura a colori e in bianco e nero. Protagonista della favola è il Jizo, qui rappresentato dal grande ritratto di Anna Cleveland, presente ieri all’inaugurazione, che impersona una delle figure più amate e rispettate nel Buddhismo Mahayana, il Bodhisattva protettore dei bambini e dei viaggiatori. Non a caso, il 10% della vendita del ritratto di Anna Cleveland andrà in beneficienza ad un’associazione di bambini.

Un percorso visivo che dà vita ai simboli di un racconto popolare sul valore della gentilezza, della resilienza, del dono disinteressato.

Lo scatto lento e pensato di una vecchia Rolleiflex, la ricerca, la stampa fatta a mano con il racconto che si svela lentamente su un foglio bianco davanti agli occhi di chi ha saputo trovare e interpretare gli elementi per raccontare il messaggio e lo spirito del Bodhisattva senza ricorrere alla parola scritta, lasciando alla fantasia dello spettatore riuscire a decifrarlo e farlo suo.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 31 ottobre (escluse le domeniche) dalle 10:30 alle 19:00.

a cura della redazione