mytaxi all’Autorità Nazionale di Regolazione dei Trasporti: innovazione tecnologica al servizio della legalità

my taxi 2

 

 

 

Barbara Covili, General Manager mytaxi Italia, ha partecipato stamattina all’audizione presso l’Autorità Nazionale di Regolazione dei Trasporti di Torino.

La società mytaxi Italia ha chiesto, infatti, di essere ascoltata dall’Autorità Nazionale sulle annunciate necessità di modifiche alla normativa sul trasporto pubblico non di linea, per poter esprimere il punto di vista di un’azienda che opera da anni legalmente in diversi paesi europei.

Come ha affermato Barbara Covili, General Manager mytaxi Italia, durante l’audizione “Operiamo in Europa dal 2009 solo con tassisti con licenza e ad oggi abbiamo 45.000 taxi registrati e oltre 10 milioni di clienti nei paesi in cui siamo presenti. La nostra applicazione rispetta tutte le leggi attualmente in vigore e la nostra stessa presenza sul mercato è la dimostrazione che l’innovazione tecnologica nel settore non necessita di specifiche modifiche normative.”

mytaxi ha iniziato da pochissimo ad avvicinarsi al mercato dei taxi a Milano, come prima città in Italia, e sta già riscontrando un notevole interesse sia da parte dei tassisti, perché garantisce la legalità, sia da parte degli stessi cittadini poiché fornisce una risposta alla domanda di una mobilità efficace e trasparente. In questo senso mytaxi è la dimostrazione che il quadro normativo vigente permette di fare innovazione e utilizzare le nuove tecnologie nel pieno rispetto delle leggi, senza intaccare le esigenze di sicurezza dell’utenza.

Avendo mytaxi investito nel settore in molti paesi europei, ritiene corretto sottolineare che molte delle leggi esistenti, in Italia come in altri paesi, siano state concepite per tutelare la certezza del trasporto e la sicurezza degli utenti. Il carattere pubblico del servizio taxi ha nelle tariffe amministrate e negli obblighi di servizio la sua ragion d’essere: una deregolamentazione del settore porterebbe con sé, prima di tutto, una diminuzione delle tutele per l’utenza.

 

a cura della redazione