Sembra uno scherzo ma è tutto vero! Inaugurato a Castelbosco (PC) il Museo della Merda

 

Museomuseo 4Museo 2museo 3

Nasce a Castelbosco, in provincia di Piacenza, il Museo della Merda: presentato ieri, durante una conferenza stampa tenutasi al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.  Si tratta di un’idea dell’imprenditore Gianantonio Locatelli e dei curatori Luca Cipelletti, Gaspare Luigi Marcone e Massimo Valsecchi. Un gruppo di persone riunito da un unico intento comune, unire umanità, natura, arte ambientale e tecnologia.

Di primo acchito  potrebbe sembrare uno scherzo o una trovata pubblicitaria ma è tutto vero anzi , nonostante l’argomento un po’ grossier ,tremendamente serio, come ha fatto notare il moderatore della conferenza  Massimo Torrigiani, coordinatore del comitato Scientifico del Pac Milano spiegando che ” il Museo della Merda segue l’esempio di strutture simili presenti in altri Paesi, come ad esempio in Giappone, nel tentativo di essere un ponte d’unione tra la scienza e l’arte, tra l’umano e l’animale, tra il passato e il presente, focalizzandosi forse sulla cosa che meno di tutte la nostra società sembra in grado di sopportare di buon grado ma che fornisce “stimoli” per lo sviluppo di future e non meno interessanti iniziative”.

Negli spazi del museo e nelle sale del castello di Castelbosco vicino a Gragnano Trebbiense ,in provincia di Piacenza, è stato poi, offerta ai visitatori la possibilità di toccare sul posto, con mano (si fa per dire)  la materia prima (anzi forse meglio dire ultima) attraverso un percorso unico che va dall’animale simbolo dell’iniziativa, lo scarabeo stercorario,(logo del Museo e riconosciuto come divinità nell’antico Egitto, con il nome di Kepri ,simbolizzante lo spostamento del disco del sole) all’utilizzo degli escrementi nelle opere architettoniche delle più diverse popolazioni del pianeta, passando per la Naturalis Historia di Plinio e le ricerche scientifiche più attuali- – come ha illustrato Gaspare Luigi Marcone. Gli organizzatori possono anche vantare l’esposizione di un’autentica cacca (fossile)  di dinosauro.

“L’azienda agricola di Castelbosco – ha spiegato il proprietario Gianantonio Locatelli- è dedicata alla produzione di latte per il Grana Padano. Ospita 2.500 bovini di razza selezionata, super-efficienti, che producono quotidianamente 300 quintali circa di latte e 1.000 di sterco. Una quantità di merda la cui gestione ha trasformato in un progetto ecologico e industriale avveniristico. Dallo sterco ricava oggi metano, concime per i campi, materia grezza per intonaco e mattoni. E lo fa con sistemi di nuova concezione che oltre a ridurre l’inquinamento atmosferico e la distribuzione di nitrati nel terreno, seguono un principio che ridisegna il ciclo della natura in un circolo virtuoso. Dando alla merda il valore che ha e restituendo all’ agricoltura e all’allevamento del bestiame l’importanza di sempre”.

Il Museo della Merda si trova nella Frazione Campremoldo Sopra, località Castelbosco
29010 Gragnano Trebbiense (PC).
Il Museo della Merda sarà aperto il sabato e la domenica da maggio ad agosto 2015
su appuntamento chiamando il numero tel. +39. 0523787357

a cura della redazione