Presentato nella cornice della “Casa Dei Comuni ” di Via Rovello a Milano “la Douja Dor”. Il 51° Salone Nazionale di Vini Selezionati in programma ad Asti dall’8 al 17 settembre

anci

 

Il 51° Salone Nazionale di Vini Selezionati in programma ad Asti dall’8 al 17 settembre è stato presentato lo scorso  venerdì 1 settembre nella bella cornice milanese della sede di Anci di via Rovello, la “casa dei Comuni”.
L’appuntamento è stato egregiamente diretto dall’Ujce, – Unione dei Giornalisti e Comunicatori Europei. Presenti per l’occasione, oltre allo stesso Presidente camerale Goria, anche il presidente della UNPLI della Provincia di Alessandria e consigliere nazionale Bruno Ragni e Pietro Segalini, presidente dell’Unpli Lombardia. Le Pro Loco quindi protagoniste della valorizzazione territoriale come sottolineato dal segretario generale UNPLI Piemonte, Eleonora Norbiato.

Cento nomination agli Oscar e poi 48 assegnati dei 299 vini premiati Douja D’or, il concorso nazionale tra i più blasonati del mondo del vino che ha avuto quest’anno un’esplosione di qualità.

“Questa eccezionale edizione” come l’ha definita il presidente della Camera di Commercio astigiana Erminio Renato Goria ,andrà  dunque in scena ad Asti dall’8 al 17 settembre a Palazzo Ottolenghi per le degustazioni e in tutta la città per gli eventi collaterali.

Due  le novità del 51° Salone Nazionale di Vini Selezionati,: l’attribuzione delle Menzioni speciali alle imprese della provincia di Asti i cui vini doc e dogc del territorio hanno ottenuto il punteggio più elevato nell’ambito delle selezioni e la presenza di tutti i consorzi di vino piemontesi con Piemonte Land in Douja ,in piazza San Martino.

Alle degustazioni dei vini premiati si affiancheranno assaggi di piatti e dolci d’autore, e momenti guidati dall’ONAV nella Sala degli Specchi in stile Barocco piemontese per il coinvolgimento delle Camere di Commercio del Piemonte.

Negli anni, il tandem “Douja d’Or”/ Festival delle Sagre, ha portato un incremento del 10 per cento del turismo nel territorio in provincia di Asti; un dato, questo, destinato a crescere nel 2017 e negli anni a venire.

La sfilata dei contadini che interpretano i propri avi con attrezzi e abiti d’epoca, coinvolge oltre 3mila figuranti che animeranno le vie della capitale astese domenica 10 settembre. È il fiore all’occhiello insieme al più grande ristorante all’aperto d’Europa con 41 casette di altrettante Pro Loco e oltre 80 piatti tipici.

Al termine della presentazione  la testimonianza del vicesindaco di Miradolo Terme, Ottavio Dehò, in rappresentanza dell’azienda premiata “Guglielmini Giuseppe”: “Avere un’etichetta premiata è come avere una bandiera del territorio che sventola in un luogo prestigioso e ci fa conoscere.” I giornalisti e ospiti presenti hanno, poi, potuto godere di piccole e squisiti assaggi  “territoriali” preparat” dallo chef Adelio Debenedetti di Suite Food, accompagnati dai vini premiati Douja 2017 con un trionfo della “raspadura” – formaggio stagionato del lodigiano direttamente servito dal simpatico Segalini che con il coltello ha saputo raschiare a velo un “grana padano giovane” e servito in coni di carta per la gioia dei presenti.

a cura della redazione