Safety for Food: uno strumento di dialogo e confronto sui temi della sicurezza e salubrità alimentare

Safety

Questa mattina presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, Cisco Italia e Penelope Spa hanno ospitato i più importanti rappresentanti della Ricerca  scientifica Nazionale, delle Istituzioni e del Governo per presentare la piattaforma tecnologica di collaborazione offerta alla comunità scientifica Internazionale nel quadro del progetto Safety for Food Creare un progetto che ha come obiettivo la creazione di una “banca dati mondiale” dei prodotti agroalimentari.
Utilizzando per tutti gli alimenti la tecnologia che rilascia già oggi il “passaporto digitale”, consentire al comparto industriale, agli enti preposti al controllo della salute e sicurezza del cibo e ai consumatori di ottenere  una completa  tracciabilità e rintracciabilità  delle produzioni, secondo regole e standard internazionali in materia di sicurezza, qualità e origine degli alimenti;
arrivare allo sviluppo  condiviso di una “Carta Costituzionale” dell’agroalimentare, come eredità dell’Expo 2015,  contenente le  regole e le buone pratiche condivise a livello globale  per la sicurezza del cibo in tutto il pianeta, che nel 2025 toccherà gli 8 miliardi di persone sono questi  gli obiettivi di Safety for Food, il progetto  promosso da Cisco Systems Italy srl e Penelope Spa, patrocinato da Expo 2015 e presentato ieri a Milano, nella sede del Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci,  insieme al CNR, ai Ministeri delle Politiche Agricole  alimentari e forestali e della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità, all’Agenzia per l’Italia Digitale (Presidenza Consiglio dei Ministri), e a Italia Sostenibile.  Un progetto ambizioso  e innovativo, anche per le stesse aziende che lo hanno proposto e hanno deciso di investirvi,  che  individua nei temi  della qualità, sicurezza e salubrità  alimentare  l’esigenza di un’adozione su larga scala  delle tecnologie digitali quali supporto alle decisioni  nel controllo e governo di processi industriali complessi, a beneficio delle aziende, delle istituzioni e dei consumatori.  E che per questo  hanno deciso di mettere a disposizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche, che è advisor scientifico  della Piattaforma, questo prezioso ambiente di collaborazione e di condivisione, attraverso cui aprire, prima di Expo 2015, uno spazio di confronto  dove la comunità scientifica globale  possa incontrarsi “ in rete” ed elaborare le regole per la “Carta Costituzionale dell’Agroalimentare”.

“Safety for Food accompagna nel futuro l’agroalimentare , un comparto economico chiave per il paese e con questa piattaforma di collaborazione si apre al mondo per contribuire a trovare la strada per dare a tutti accesso a cibo sicuro” ha commentato Agostino Santoni A.D.di Cisco Italia aggiungendo “Abbiamo una piattaforma tecnologica che connette tutti “gli anelli” della filiera, consentendo di raccogliere dati e informazioni che prima rimanevano silenti.Ora con l’ambiente di collaborazione entra in gioco anche la comunità scientifica mobilitata intorno ai temi dell’Expo Milano 2015″.

Parole di compiacimento sono giunte anche da Francesco Morandino, A.D. di Penelope che ha dichiarato: “Come centro di competenza abbiamo contribuito alla definizione del progetto Safety for Food con Cisco, grazie al nostro brevetto Value Go (R) che rappresenta un sistema integrato di tracciamento a garanzia “web centrico” che segue tutte le fasi delle singole filiere produttive, dall’origine al consumo” aggiungendo poi che ” con questo sistema si è di fatto introdotto un nuovo strumento per la lotta alla contraffazione e per la salute dei cittadini. Possiamo dire che da oggi nasce il: “Passaporto digitale dei prodotti agroalimentari”.

a cura della redazione

a cura della redazione