Sammontana Italia punta al massimo standard per un ciclo produttivo circolare

foto 1

 

In occasione della Design Week 2019, Sammontana Italia, la prima azienda italiana per la produzione di gelato che da oltre settanta anni ne scrive la storia nel nostro Paese, ha presentato le novità riguardanti il proprio impegno per l’Economia Circolare.
Sammontana Italia è impegnata da tempo in un percorso di miglioramento continuo dei propri processi aziendali e già nel 2016 ha siglato un Accordo Volontario con il Ministero dell’Ambiente per la valutazione e la compensazione della Carbon Footprint del suo prodotto principale, Barattolino Sammontana.
L’Accordo Volontario con il Ministero dell’Ambiente è stato rinnovato di recente e ampliato in modo da recepire tutte le direzioni progettuali e le best practice sviluppate da Sammontana Italia a oggi: oltre alla compensazione della Carbon Foot Print e alla riduzione dell’impatto ambientale dei processi aziendali, anche il raggiungimento del massimo indice per la circolarità del proprio ciclo produttivo.
Adottando il modello sviluppato dalla Fondazione Ellen MacArthur che distingue tra ciclo tecnologico e ciclo biologico, e con il supporto consulenziale del Consorzio C.U.R.A. dell’Università di Padova, Sammontana Italia ha raggiunto standard elevati – 80% l’indice di circolarità del proprio ciclo tecnologico a fine 2018 – e ha annunciato oggi l’obiettivo in linea con le normative UE entro il 2019, attraverso un impegno sul fronte dei packaging primari.
Inoltre, ha annunciato l’avvio di un processo per il miglioramento dell’indice di circolarità del proprio ciclo
biologico, che deve comportare un’azione congiunta con i fornitori di materie prime per la sensibilizzazione sull’opportunità di scelte importanti per la sostenibilità ambientale.
“Oggi abbiamo presentato il nostro impegno per un modello circolare che riguarda la produzione dell’azienda ma anche quella dei nostri fornitori e partner. Da anni lavoriamo con impegno sui temi della sostenibilità e oggi siamo pronti a candidarci per un ruolo importante nell’economia circolare in Italia. Il nostro modello sarà presentato a breve al Ministero dell’Ambiente perché possa essere condiviso. Ci auguriamo quindi che possa essere esteso anche ad altri settori, per un beneficio comune e diffuso”. Ha dichiarato oggi, durante una conferenza stampa tenutasi nella bella location del’Hotel Magna Pars in Via Forcella 6 a Milano, l’AD di  Sammontana Italia Leonardo Bagnoli. All’incontro moderato da Francesca Baldini giornalista presso Radio Più hanno preso parte oltre allo stesso Bagnoli anche  Carlo Felice Chizzolini Direttore Generale Industriale e Ambiente di Sammontana Italia e Alessandro Manzardo, PhD del Consorzio C.U.R.A. Università di Padova

Nella medesima  cornice dell’Hotel Magna Pars, all’interno di un allestimento immersivo, l’azienda italiana ha presentato una serie di arredi progettati dal noto architetto e designer Fabio Novembre e frutto di un innovativo processo di stampa 3D che utilizza bio-plastica, plastica riciclata e riciclabile.

a cura della redazione