Sergio Bonelli Editore S.p.A., l’editore italiano leader di mercato nel settore dei fumetti, annuncia la creazione di Bonelli Entertainment

bonelli

Sergio Bonelli Editore S.p.A., l’editore italiano leader di mercato nel settore dei fumetti,
ha annunciato oggi la creazione di Bonelli Entertainment, “braccio produttivo” della Casa Editrice nato con lo scopo di sviluppare progetti cinematografici e televisivi basati sui propri personaggi e sulle proprie storie originali.
La nuova unità sta attualmente sviluppando una serie TV horror live-action di 10 episodi basata su Dylan Dog, l’“Indagatore dell’Incubo”, e sono allo studio progetti per cinema e TV che coinvolgeranno Martin Mystère, Mister No, Dampyr, Dragonero, Il Confine e l’universo legato a Nathan Never, così come altri personaggi e nuove property.
Dylan Dog, creato da Tiziano Sclavi, è uno dei brand di maggior successo nella storia della Sergio Bonelli Editore; fu lanciato nel 1986 e da allora sono stati pubblicati oltre 500 differenti episodi a fumetti. La diffusione lifetime ha superato le 50 milioni di copie, facendo di Dylan uno degli eroi di carta a maggior diffusione in Italia, da sempre.
Dylan Dog è uno di quei rari fenomeni che riescono a coniugare un vasto pubblico, un seguito di culto (Dylan ha ispirato festival e fan-film, come il Dylan Dog Horror Fest che nei primi anni ’90 ha avuto centinaia di migliaia di partecipanti), con un alto apprezzamento sia da parte di critici letterari che intellettuali.
Dylan Dog, l’unico Indagatore dell’Incubo, è inglese, poco più che trentenne, vive nella Londra contemporanea e, come investigatore privato, accetta solo casi “strani”, soprannaturali e inquietanti. Le sue avventure, molto cinematografiche e dalla forte connotazione romance, hanno a che fare sia con mostri, fantasmi, vampiri, lupi
mannari e zombi, che con un universo surreale e fantastico.
Il fumetto di Dylan Dog, è stato distribuito in 30 paesi e attualmente è venduto in 11 nazioni.
“Una delle principali priorità dell’unità produttiva Bonelli Entertainment – dichiara Davide Bonelli, Presidente di Sergio Bonelli Editore S.p.A. – è quella di sviluppare nuovi modi per permettere al pubblico di conoscere i nostri personaggi più famosi e iconici, ma anche le proposte più recenti e quelle inedite ancora in lavorazione, su qualsiasi piattaforma. Stiamo investendo nella produzione di contenuti originali e spettacoli di alta qualità come la serie live-action su Dylan Dog, prendendoci cura dei nostri personaggi più amati, e al tempo stesso elevando i nostri fumetti verso nuove esperienze e vette, con idee innovative”.
Sergio Bonelli Editore:
Sergio Bonelli Editore (SBE) è una casa editrice italiana di fumetti fondata nel 1941 da Gianluigi Bonelli. Prende l’attuale nome dal suo ex presidente, lo sceneggiatore di fumetti Sergio Bonelli, figlio di Gianluigi e padre di Davide.
Il tema di fondo dei fumetti Bonelli è da sempre l’Avventura, declinata nel genere western, horror, mistero, crimine o fantascienza.
E il formato da 100 pagine, detto bonelliano, è diventato lo standard più popolare in Italia.
SBE pubblica il leggendario Tex Willer, creato da Gianluigi Bonelli, dal 1948.
Zagor di Sergio Bonelli, conosciuto anche come Guido Nolitta (suo pseudonimo da sceneggiatore di fumetti), è stato pubblicato da SBE per la prima volta nel 1961; successivamente sono arrivati Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog, Nathan Never, Julia, Dampyr, Dragonero, Orfani e molti altri.
La maggior parte dei personaggi SBE si muovono in una realtà condivisa conosciuta come Universo Bonelli, un mondo interconnesso dove persone reali assurgono al ruolo di eroi.
SBE pubblica 25 uscite al mese con una tiratura media di 1 milione di copie. L’attuale diffusione è completata da edizioni di pregio per il mercato librario e da edizioni su licenza vendute tramite i principali quotidiani italiani.
La società ha realizzato film, programmi televisivi e radiofonici con Sky Italia, Rai, M6, Canal J, YTV, Lucky Red e Zodiak Kids.
I fumetti SBE sono attualmente distribuiti in oltre 35 paesi in tutto il mondo.

a cura della redazione