Trame: Dodici scatti. Dodici storie. Per valorizzare e trasmettere il Saper Fare umbro a due anni dal terremoto. Presentazione del Calendario 2019 dedicato alla Valnerina distrutta dal sisma del 2016

 

Image

Si chiama “Trame” il calendario 2019 realizzato da Archi’s Comunicazione per onorare e rilanciare la Valnerina, splendido territorio in parte ancora inesplorato, ricco di natura, storia, tradizioni, gastronomia e seriamente danneggiato dal sisma del 2016.

 

Dodici scatti fotografici, realizzati da Marco Giugliarelli che descrivono comunità e persone che si sono rimpossessati della propria vita e hanno deciso di ripartire con energia. Un racconto iconografico di saperi e tradizioni, immersi in un contesto storico-artistico e paesaggistico unico, con l’obiettivo concreto di sostenere la ripresa economica della Valnerina a due anni dal terremoto. Un territorio fatto di luoghi piccolissimi che con fatica e tenacia, grazie al lavoro quotidiano dei suoi abitanti, custodiscono la propria identità territoriale, le proprie origini culturali e produttive, senza dimenticare di guardare al futuro, alla modernità, attraverso la continua trasmissione del sapere, come il Museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco, realtà che ben sintetizza il rapporto tra passato, presente e futuro.

 

Il calendario, presentato oggi a Perugia nel Salone d’Onore della Regione Umbria con la partecipazione della Presidente, Catiuscia Marini, del Sindaco di Santa Anatolia di Narco, Tullio Fibraroli, del direttore del Museo della Canapa, Glenda Giampaoli, e l’amministratore unico di Archi’s Comunicazione, Luca Broncolo, rientra nell’ambito di quelle iniziative “immateriali” per ricostruire e valorizzare gli asset del territorio. Il progetto si propone inoltre di suggerire un viaggio inedito e alternativo per scoprire i luoghi della memoria e del saper fare della Valnerina, per vivere un’esperienza autentica tra memoria, tradizione e arte con la possibilità di prenotare un tour personalizzato direttamente dal sito del Museo della Canapa www.museodellacanapa.it.

a cura della redazione