Tutti i colori della Lituania, a partire dal Cold Pink, nella nuova campagna di comunicazione di Lithuania Travel

we

Lancio in grande stile per “Discover colours you never knew existed”, con un restyling dell’Aeroporto di Vilnius dedicato all’iconica zuppa rosa – šaltibarščiai, il piatto nazionale.
La Lituania sancisce la riapertura dei suoi confini al turismo internazionale con una nuova campagna di comunicazione, dedicata ai colori che rendono unica e speciale questa destinazione. La campagna “Discover colours you never knew existed”, traducibile in “Scopri colori che non sapevi esistessero”, si compone di sette inedite tonalità; ne fanno parte: il Verde foresta (Deep forest green), il Blu Baltico (Baltic Blue), il Nero pane di segale (Rye bread black), il Rosa zuppa fredda (Cold pink), il Giallo ambra (Amber yellow), il Grigio architettura di Kaunas (Kaunas modernism grey) e il Rosso tetti di Vilnius (Vilnius rooftop red).

Ognuno di questi sette colori si rifà a una delle caratteristiche proprie della Lituania, dalla sua natura, alla sua cultura, passando inevitabilmente per la sua gastronomia e per i suoi prodotti tipici.

“Con questa campagna la Lituania non vuole solo festeggiare la sua riapertura al turismo internazionale, ma anche esaltare quelle che sono le sue caratteristiche uniche, capaci di rendere la destinazione una delle mete preferite dai turisti italiani ed europei” afferma Indrė Slyžiūtė, Responsabile per il mercato italiano di Lithuania Travel. “Tra città, natura, tradizioni e buon cibo, invitiamo tutti ad andare a caccia di questi nuovi colori in quella che è a tutti gli effetti una delle destinazioni più sicure del momento”.

Il primo colore a finire sotto i riflettori è stato naturalmente il rosa, tributo alla celebre šaltibarščiai, la zuppa fredda a base di barbabietole, cetrioli e kefir : dal 29 giugno i viaggiatori in transito al Vilnius International Airport troveranno sotto i loro piedi un vero e proprio “tappeto rosa”, steso per dar loro il benvenuto e per omaggiare il piatto nazionale. Alla fine del percorso, i turisti si imbatteranno in una riproduzione della šaltibarščiai del diametro di tre metri, un’installazione molto appariscente che vuole celebrare la ricca tradizione gastronomica del Paese.

L’aeroporto di Vilnius non è nuovo a questo genere di installazioni: lo scorso Natale, per entrare nel clima festivo, aveva allestito un enorme albero costruito interamente con gli oggetti confiscati ai passeggeri; mentre durante la quarantena, data l’inattività quasi totale sulle sue piste, si è trasformato in un enorme cinema drive-in.

a cura della redazione