Wild Milano. Segni e gioielli animalier di Giovanni Raspini in mostra a Palazzo Serbelloni a Milano dal 28 gennaio 2016

 

animalier
Si inaugura giovedì 28 gennaio, nella prestigiosa sede di Palazzo Serbelloni in corso Venezia 16 a Milano, WILD / Segni e gioielli animalier, la grande mostra dei disegni e gioielli di Giovanni Raspini. Il vernissage & rock dinner party avrà luogo dalle ore 19.00, mentre le 30 tavole rimarranno esposte per una intera settimana.
Nell’occasione verrà presentato il volume dal titolo omonimo, WILD appunto – un omaggio sincero alla libertà e all’immaginazione di Giovanni Raspini – scritto da Francesco Maria Rossi. Un “diario di viaggio” che si esprime in disegni e pitture; una straordinaria collezione di idee creative che trova compostezza nelle pagine dello scrapbook dell’argentiere toscano, il suo libro degli schizzi, l’album magico della memoria personale e collettiva. Così l’idea primigenia del designer di gioielli si fa immagine compiuta, una sorta di palingenesi estetica che offre a chi guarda lo spettacolo della creazione artistica. Poi i disegni di Giovanni Raspini da riflessioni divengono progetti, e infine gioielli. Altre volte lo schizzo rimane lì, il cartoncino impilato fra innumerevoli compagni, a testimoniare un momento e un’idea. Egli ama la circolarità, la riflessione, la connessione di idee, persone e cose. Il suo tempo è un meraviglioso groviglio da cui scaturisce un’eleganza senza tempo.
Ecco come nasce un gioiello di Giovanni Raspini. Il segno forte e naturalistico, non geometrico, e la plasticità del progetto rendono assolutamente riconoscibili le sue creazioni preziose. Forma e armonia della contemporaneità, con l’eccellenza del lavoro che nasce dalla grande tradizione orafa. Argento vivo da toccare, da indossare sulla pelle nuda. Argento dorato per dare luce e colore alla donna di Giovanni Raspini: indipendente, autentica e sfrontata. Gioielli importanti, dalla personalità unica, di autentica ispirazione animalier.
Le tavole dipinte dall’argentiere toscano in WILD, ed esposte in mostra di Milano, esprimono tutta la sua ammirazione per la bellezza semplice e inconsapevole della natura. Giovanni Raspini decora le sue tavole come tele su cui sovrapporre idee, progetti, materia ed elementi iconografici, disegni e fotografie. E ancora objets trouvés, citazioni, ritagli di giornali, e frammenti calligrafici che intersecano le linee del disegno. Ma soprattutto ci sono le sue creature animalier, antiche eppure contemporanee.
Un destino di bellezza rende uniche le creazioni di Giovanni Raspini. E’ il lusso necessario che nasce dal cuore della Toscana, per un marchio che da quasi cinquant’anni ricerca l’eccellenza e una cifra stilistica assolutamente personale. Perché il futuro non si immagina, si sperimenta.

a cura della redazione