Brebemi:

siglata la lettera di impegno sul finanziamento project

 

E’ stata siglata oggi, 25 luglio 2011, la lettera di impegno che definisce i termini del finanziamento su base project finance per la realizzazione di Brebemi, l’autostrada diretta che collegherà le città di Brescia e Milano. L’accordo, sottoscritto con il supporto decisivo di Intesa Sanpaolo socio ed advisor fin dall’inizio, assicura finanziamenti per Euro 1,9 miliardi. Il pool di primari finanziatori è composto da Cassa depositi e prestiti SpA, che ha svolto un ruolo determinante sottoscrivendo il 50% delle linee a lungo termine, Intesa Sanpaolo/Banca Innovazione Infrastrutture e Sviluppo SpA, Unicredit SpA, Centrobanca Banca di Credito Finanziario e Mobiliare SpA, MPS Capital Services SpA e Credito Bergamasco SpA.

Brescia, 25 luglio 2011 – L’accordo assicura il reperimento delle risorse di debito, complementari all’apporto di mezzi propri per circa 560 milioni di Euro da parte dei soci, finalizzate alla realizzazione dell’opera, ed è altresì importante in quanto, realizzandosi in un contesto economico e finanziario difficile, rappresenta una chiara dimostrazione dell’attenzione del sistema finanziario italiano nei confronti del territorio al fine di garantirne la crescita, lo sviluppo e la competitività.

L’operazione rappresenta un passo fondamentale per la definitiva realizzazione del progetto di cui ricordiamo, resta ancora da completare l’approvazione degli atti convenzionali da parte dei Ministeri competenti e l’approvazione del progetto definitivo della Tangenziale Est Esterna Milano, essenziale per la funzionalità dell’opera.

L’accordo raggiunto con gli istituti finanziatori prevede linee di credito a lungo termine per un importo complessivo di circa Euro 1,9 miliardi dirette sia a rifinanziare l’indebitamento esistente sia a garantire la prosecuzione delle attività di realizzazione del collegamento autostradale.

La struttura finanziaria dell’operazione prevede tra l’altro:

(i) linee di credito con rimborso in un’unica soluzione a fine concessione per un importo di circa Euro 760 milioni;

(ii) linee di credito con rimborso distribuito lungo la durata della concessione per un importo di circa Euro 760 milioni.

Determinanti sono risultati sia il contributo di Cassa depositi e prestiti S.p.a., che ha assunto un impegno complessivamente pari alla metà delle linee di credito a lungo termine, con una partecipazione più che proporzionale alla quota di debito con scadenza più lunga, che quello del sistema finanziario italiano ed in particolare, Intesa Sanpaolo/Banca Innovazione Infrastrutture e Sviluppo SpA, Unicredit SpA, Centrobanca Banca di Credito Finanziario e Mobiliare SpA, MPS Capital Services SpA e Credito Bergamasco SpA, che fin dall’inizio hanno supportato questa iniziativa.

a cura della redazione