Le Vigne del Palladio:

ecco i vincitori

 

I vini Colli Berici e Vicenza Doc giudicati da una commissione tecnica e da una giuria popolare per il concorso Le Vigne del Palladio. I vincitori annunciati a Sapor di Vino Sono stati annunciati sabato 9 giugno a Villa Trissino Marzotto in occasione di Sapor di Vino, la Rassegna dei Vini del Veneto, i vincitori della seconda edizione del Concorso Le Vigne del Palladio, organizzato dal Consorzio Tutela vini Colli Berici e Vicenza.

Questo l’elenco dei vini vincitori divisi in cinque categorie: per la categoria vini Bianchi il Sauvignon 2011 Cantina Ca’Basso; per la categoria Tai rosso il Tai Rosso 2011 Fattoria Le Vegre; per la categoria Tai Rosso Riserva il Tai Rosso Riserva "Cìo Bacaro"2009 Az.Agr. Pialli; per la categoria vini rossi da vitigni internazionali vendemmia 2011 il Cabernet Franc 2011 Fattoria Le Vegre; per la categoria vini rossi da vitigni internazionali annate precedenti vincono a pari merito il Cabernet "Pozzare" 2010 Piovene Porto Godi e il Cabernet Sauvignon 2010 Mattiello.

I giurati si sono riuniti lo scorso 25 maggio al Golf Club di Brendola per giudicare i vini. Anche quest’anno accanto alla consueta commissione tecnica composta da esperti del settore, è stata affiancata una giuria popolare formata da semplici consumatori. In commissione presenti giornalisti, sommelier, enologi e semplici consumatori selezionati attraverso la pagina facebook del Consorzio. Ma mentre la scorsa edizione ogni categoria premiata prevedeva la suddivisione tra un premio “tecnico” e uno “popolare”, quest’anno il consorzio ha voluto valutare i risultati in un’unica categoria.

“Il giudizio del consumatore medio – ha spiegato il direttore del consorzio Andrea Monico – è autorevole quanto quello degli esperti. Forse il semplice consumatore ha meno proprietà di linguaggio nella descrizione di un vino, ma è in grado di valutarlo a partire da un fattore per noi altrettanto importante, quello più edonistico, legato alla piacevolezza".

Per ulteriori informazioni: www.bevidoc.it

a cura della redazione