Copaim:

investe oltre 15 milioni di euro in un nuovo sito produttivo ad alta tecnologia

 

 

Albinia (GR), 15 aprile 2010 – Alla presenza di Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, Leonardo Marras, Presidente della Provincia di Grosseto, Gianni Lamioni, Presidente della Camera di Commercio di Grosseto,  Altero Matteoli, Sindaco di Orbetello, Massimo Abbagnale, Presidente di “Sviluppo Imprese Centro Italia”, Giovanni Ricciardi, Direttore Generale di FIDI Toscana S.p.A., Daniele Lombardelli, Presidente Copaim, Maurizio Romiti, Vice Presidente Copaim si svolge la cerimonia di inaugurazione del nuovo stabilimento Copaim per la produzione di gastronomia fresca.

Con questa nuova infrastruttura l’impresa passa dagli attuali 3.000 mq a 14.000 mq di superficie complessiva, per la sola produzione l’incremento va dai passati 2.500 mq a ben 8.300 mq.

Le linee di confezionamento salgono a 10  (contro le precedenti 6) suddivise in 3 distinte aree con 2.400 mq destinati allo stoccaggio di materie prime e prodotti finiti.

L’investimento complessivo per la realizzazione del nuovo stabilimento ammonta a oltre 15 milioni di euro. La costruzione ha richiesto un imponente sforzo pluriennale che ha impegnato l’azienda per 5 anni, senza inficiare in alcun modo i risultati dell’attività produttiva.

 

Copaim è il gruppo italiano di gastronomia fresca di alta qualità con la maggiore presenza sui mercati internazionali: il settore ha un fatturato internazionale mediamente del 10 % e in tale ambito le vendite estere di Copaim ammontano al 50 % dei ricavi consolidati. I principali mercati di destinazione sono quelli europei, con particolare presenza sui mercati anglosassoni. Il Gruppo, nato 33 anni fa ad Orbetello con un primo insediamento produttivo, oggi, con il nuovo sito di Albinia, conta cinque stabilimenti, situati in Toscana, Sicilia, Puglia e Piemonte.

I ricavi consolidati sono nell’ordine dei 38 milioni di euro, con una crescita nell’ultimo triennio di circa il 40%.

Dall’entrata a regime del nuovo stabilimento il Gruppo si attende, oltre l’aumentata capacità di servire la clientela tradizionale, anche un forte contributo alla crescita dimensionale, grazie alla possibilità di assumere ordini sempre più impegnativi nei confronti della clientela internazionale più qualificata ed esigente.

Con questi valori si presenta il nuovo stabilimento di Albinia, in provincia di Grosseto. Una realtà tecnologica all’avanguardia nella produzione di gastronomia fresca, una nuova realizzazione che nasce da un

 

 

considerevole ampliamento della sede originaria del Gruppo. Con questa operazione Copaim dà vita a uno tra i più moderni e innovativi stabilimenti per la produzione di gastronomia fresca in Europa, progettato e realizzato secondo i più alti standard igienici, per conferire la massima garanzia di sicurezza all’intera gamma dei prodotti.

Il presidente di Copaim Daniele Lombardelli afferma: “Crediamo fermamente che questa innovativa area produttiva rappresenti un risultato importante non solo per Copaim, ma per l’intera Provincia, tradizionalmente molto ricca di proposte di qualità nel settore agroalimentare italiano. Una nuova realtà di riferimento anche per tutto il settore a cui apparteniamo, infatti la messa a regime dell’impianto permetterà l’ulteriore rafforzamento della già intensa capacità di export sui mercati internazionali. La cerimonia di oggi non è solo un appuntamento simbolico per celebrare la riuscita di grandi investimenti, è l’inizio di una nuova fase, un volano di sviluppo per il nostro Gruppo e per l’economia del nostro territorio. Contiamo sul fatto che il nostro impegno  dia soprattutto un maggiore impulso alla nostra offerta sui mercati internazionali, punto di forza di Copaim e, lasciatemi dire, un fiore all’occhiello, proprio perché realizza l’immagine corretta per il nostro Paese all’estero e risponde con successo a una debolezza del nostro sistema industriale:  vincere soprattutto fuori dalle mura domestiche.”

 

Queste parole ben sottolineano il profondo impegno che da sempre caratterizza di tutta la squadra di Copaim: la nascita del nuovo stabilimento è frutto del successo dei prodotti e dei servizi del Gruppo. Un sistema nato da un’attenta analisi di mercato che ha rivelato una sempre più esigente richiesta da parte dei consumatori, in termini di qualità e genuinità della propria alimentazione. Fattori questi che storicamente hanno rappresentato il punto di forza di Copaim decretandone il successo internazionale.

L’ampliamento del sito originario di Albinia e il conseguente potenziamento della produttività fanno parte di un progetto pianificato e applicato scrupolosamente; alla sua base vi è la volontà da parte del Gruppo di essere l’interlocutore italiano di riferimento del comparto della gastronomia fresca e di alta qualità. Un percorso che sempre più dovrà garantire una vasta offerta coerente alla tradizione italiana.

Da oggi il primo fra i vantaggi competitivi del Gruppo risiede proprio nell’ampia scelta di prodotti commercializzati. Grazie al nuovo insediamento produttivo infatti, verranno inseriti, nel già ampio catalogo dell’offerta, nuovi prodotti freschi in linea con la tradizionale qualità del Gruppo. Questo ampliamento di gamma non si fermerà, anzi porterà a un costante aggiornamento dell’offerta di prodotti di alta gastronomia italiana  garantendo a Copaim di mirare a posizioni di assoluta leadership sul mercato di riferimento.

Altri fattori tenuti in massima considerazione dal Gruppo sono le garanzie per il consumatore, il controllo della filiera e l’investimento in ricerca e sviluppo, da sempre caposaldi della strategia aziendale del Gruppo Copaim. A questo riguardo Copaim dispone delle certificazioni nazionali e internazionali: BRC, ISO 9001, ISO 14001 ambientale ottenute dal nuovo stabilimento di Albinia.

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Consilium Comunicazione
Enea nepentini – enepentini@consiliumcom.com – 302 36565486; 35 231085
Chiara Lesèvre
clesevre@consiliumcom.com- 02 36565486;  347 0603586

a cura della redazione