L’evoluzione della farmacia e l’importanza del cosmetico

Incontro-dibattito per indagare le dinamiche di un canale di successo

 

 

 

Si è tenuto questa mattina, giornata inaugurale della 16ª edizione di Cosmofarma Exhibition, l’incontro-dibattito L’evoluzione della farmacia e l’importanza del cosmetico organizzato dal Gruppo Cosmetici in Farmacia di Unipro in collaborazione con Federfarma e Fofi.
«L’appuntamento – ha commentato Vincenzo Maglione, presidente del Gruppo Cosmetici in Farmacia di Unipro – ha permesso di chiarire, nello scenario competitivo attuale, l’importanza ed il valore del cosmetico in farmacia. Oggi le dinamiche impongono una scelta di qualità ancora maggiore ed è questo che i clienti chiedono e vogliono quando entrano in farmacia. Il cosmetico in farmacia diviene quindi un ottimo veicolo di salute moderno che risponde alle richieste dei consumatori e supporta il valore scientifico della farmacia in quanto “casa della salute”».

«La farmacia, sia perché è facilmente accessibile per la presenza capillare sul territorio, sia per la disponibilità dei farmacisti al dialogo e al confronto con il paziente, da sempre riesce ad avere un rapporto di vicinanza e fiducia con il cittadino, come confermato anche dalla recentissima indagine condotta dall’Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione. In un quadro di grande attenzione all’utente i cosmetici diventano uno strumento in più che la farmacia ha per rispondere alla nuova domanda di salute e benessere psicofisico della popolazione. Un benessere che passa anche per un maggiore interesse verso la cura di sé, perché piacersi è un modo per stare bene con se stessi e con gli altri. Ritengo che il valore aggiunto che la farmacia può dare anche alla cosmesi debba indurre i produttori a investire sul nostro canale per ottenere una sinergia che vada a vantaggio di tutti: dell’azienda che vede adeguatamente valorizzati i propri prodotti, del cittadino che sa di poter trovare in farmacia risposte di qualità, della farmacia stessa che vede riconosciuto anche in questo campo la propria funzione di punto di riferimento per il benessere del cittadino». Questo il commento di Annarosa Racca, presidente di Federfarma.

«Il dibattito – ha aggiunto Maglione – ha anche mostrato l’evoluzione del settore distributivo, e in prospettiva, l’apertura delle nuove farmacie previste dal DL Liberalizzazioni che potranno aiutare la corretta espansione del settore cosmetico. A tal proposito Unipro con il Gruppo Cosmetici in Farmacia, insieme a Federfarma e FOFI, si ripromette di lavorare ancor più in congiunzione su tali aspetti migliorando le conoscenze scientifiche e quindi il servizio reso».

«La cosmesi oggi rientra a pieno titolo in quella ricerca del benessere che caratterizza la nostra società. Ma proprio per questo diventa centrale la figura del farmacista, capace di guidare la scelta del cittadino in base a criteri scientifici e di offrire una garanzia ulteriore sulla qualità e la sicurezza dei prodotti. Una centralità che viene ulteriormente sottolineata dal progresso registrato in questi anni dal cosmetico stesso, che sempre più spesso presenta funzioni e azioni che vanno al di là dell’estetica pura e semplice» ha ribadito Maurizio Pace,  segretario della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani.
 
«La concentrazione in atto fra i principali player della distribuzione intermedia e la prossima trasformazione della farmacia, alla luce delle recenti disposizioni legislative, spingono verso un modo nuovo di affrontare il rapporto fra industria e distribuzione nell’area della dermocosmesi: cresce l’interesse dei farmacisti per “nuovi” mercati, diversi dal farmaco, e crescono contestualmente fenomeni di reti di farmacie organizzate, in grado di produrre prestazioni di sell-out particolarmente efficienti, PROFAR – Professione Farmacia, la rete nazionale delle cooperative di farmacisti ne è il tipico esempio». Questo il commento di Massimo Massa, direttore generale di FederFARMACO, che ha aggiunto «In tal senso Federfarmaco ritiene che il tradizionale modo di operare “per punto vendite” dell’industria si evolverà verso la contrattazione di gruppo, utilizzando metodologie e tecniche analoghe a quelle già in essere nel resto del retail organizzato».
 

Un’approfondita ricerca IMS Health curata da Lorenzo Brambilla ha offerto, inoltre, l’occasione per indagare l’importanza del canale e analizzare sfide e opportunità legate al ruolo del cosmetico in farmacia.

«Il mercato farmaceutico – commenta Brambilla – vale 27,2 €Mld (valorizzazione prezzo al pubblico) e ha mostrato nell’ultimo anno terminante a marzo 2012 una contrazione a valori. Il comparto commerciale rappresenta ormai il 38% del totale mercato farmaceutico per effetto della contrazione del comparto etico a vantaggio della crescita di alcuni segmenti dell’area commerciale, in particolare il nutraceutico e alcuni comparti dell’area cura, bellezza e igiene personale che a valore cresce in media negli ultimi tre anni del 2,7%. Questa tendenza è legata principalmente alla persistenza degli acquisti su prodotti legati al “benessere” e “cura di sé” (nuovi stili di vita), allo sforzo crescente di promozione e comunicazione su consumatori e farmacisti e all’innovazione di prodotto in nicchie specializzate. In particolare la dermocosmesi è il segmento più innovativo e in costante crescita. Tenendo conto dei prodotti di cura igiene e bellezza venduti principalmente nelle farmacie, quest’ultime coprono circa l’85% del totale sell-out (il rimanente 15% è coperto dalle Parafarmacie e Corner della GDO), confermando quindi la loro forte vocazione nell’offrire un servizio di alta qualità non solo nell’area dei farmaci, ma anche dei prodotti per il benessere della persona. Infatti sono sempre di più le farmacie che dedicano uno specifico “spazio” e offerta di prodotti dermocosmetici.

A completamento delle attività del Gruppo Cosmetici in Farmacia di Unipro, durante la kermesse romana, verrà distribuita gratuitamente presso lo stand istituzionale (Padiglione 8 stand A14-B13) la Guida all’organizzazione del reparto cosmetico.

 

a cura della redazione