Valori e Valore della patata:

a Bologna il prossimo 17 maggio la presentazione del 13° volume della collana Coltura&Cultura "la patata"

La storia della patata è degna di un romanzo d’avventura, fatta com’è di scontri, lotte e battaglie, che si concludono però con l’immancabile lieto fine. Questo tubero ha incontrato in Europa tante resistenze e tante diffidenze, e ancora più ostacoli ha trovato in Italia, dove è diventata un alimento comune solo nel 19esimo secolo. Ossia molto dopo che la patata era entrata nell’alimentazione quotidiana in altri paesi, come Irlanda e Olanda.

 

SOLANUM TUBEROSUM L. è il nome scientifico di questa pianta erbacea perenne con fusto eretto, foglie nervate e fiori disposti a grappolo di colore bianco o violaceo. Dalle radici si dipartono degli stoloni (in botanica lo stolone è un ramo lungo e sottile che nasce alla base di alcune piante) che, ingrossandosi, formano i tuberi commestibili noti come patate. Le parti verdi della pianta, compresi i tuberi, contengono sostanze tossiche come la solanina e la tropeina, alcaloidi pericolosi che si sviluppano quando la patata è acerba o già germogliata. Per la riproduzione non si ricorre al seme perché il primo anno produce un tubero molto piccolo, ma si interrano piccole patate o semplici pezzetti del tubero. Dal momento delle semina alla raccolta occorrono circa tre mesi. La pianta è cespitosa con steli che non arrivano al metro di altezza; i tuberi crescono raccolti in gruppi di forma e numero diversi a seconda della varietà. Presente sul mercato praticamente tutto l’anno la raccolta va da maggio a settembre e deve avvenire quando le patata sono mature.

Originaria delle Ande, dove viene coltivata dagli indios da più di 5000 anni, fu portata in Europa dagli spagnoli (da Francisco Pizarro per la precisione) che l’avevano scoperta durante la conquista del Perù, nel 14esimo secolo. Più tardi, dalla Spagna si diffuse in Italia in Germania e, poco prima della Rivoluzione, in Francia per merito dei carmelitani scalzi e dei certosini, divenendo un cibo da ospizi e ospedali. In tutta Europa però, per quasi due secoli, venne considerata solo una curiosità botanica e una pianta d’appartamento. Le ragioni? Innanzitutto l’aspetto inconsueto e l’appartenenza alla famiglia delle Solanacee (come la belladonna o la dulcamara), piante dalle foglie velenose che erano in odore di stregoneria o venivano considerate dannose per la salute. Inoltre si trattava di una pianta diversa da quelle a cui erano abituati gli europei: il fatto che non si potesse usare per panificare e non si potesse mangiare cruda la rendevano poco attraente agli occhi dei contadini, che non sapevano bene come consumarla. Nel 1565 Filippo II di Spagna inviò al papa un certo quantitativo di patate, che vennero scambiate per tartufi e quindi assaggiate crude, con ovvio disgusto.

Ci vollero dapprima la guerra dei Trent’anni anni (1618-1648) e poi le epidemie e le carestie della metà del ‘700 per superare questi tabù, diffondere la conoscenza delle patate e avviarne la coltivazione sistematica in Irlanda, Inghilterra, Olanda e Prussia.

Nello stesso periodo, in Francia, nonostante la pubblicità della famiglia reale (Maria Antonietta ne portava addirittura i fiori sul corpetto), la patata non ebbe grande successo: il suo “sdoganamento” avvenne più tardi, per merito di Antoine Augustin Parmentier, farmacista ed agronomo che la scoprì durante la guerra dei Sette Anni (1756-1763) e che la valorizzò in patria riuscendo a dimostrare, nel 1773, l’infondatezza dei pregiudizi ai luminari dell’Accademia di Medicina di Parigi. Per farle conoscere, fece piantare interi campi di patate nelle terre attorno a Parigi, ottenendo dal re che fossero sorvegliati dai soldati durante il giorno. La notte, gli abitanti della zona, incuriositi, rubavano i preziosi tuberi, assicurandone in tal modo la pubblicità. Durante la rivoluzione del 1789 la patata si impose come cibo popolare, e all’inizio dell’ottocento trovò la definitiva consacrazione anche nella haute cuisine.
In effetti, la prima ricetta giunta fino a noi è tedesca e risale addirittura al 1581, ma fu in Francia che un ricettario completo fu dedicato a questo tubercolo nel 1793; il primo di una lunga serie.

Nel nostro  paese fu introdotta dal granduca Ferdinando II di Toscana, ed ebbe ,a lungo come predetto ,scarsa fortuna, tanto che fino al 1580 fu usata ,soltanto, come pianta per ornare i giardini. A capirne il potenziale fu lo scienziato Alessandro Volta, che ne promosse la conoscenza presso il mondo scientifico. Nella seconda metà del 1700 iniziarono coltivazioni su larga scala in diverse regioni italiane, principalmente nelle zone degli archi appenninici e alpini. Numerosi testi della prima metà dell’800 rivelano però che la patata stentava ad affermarsi, perché veniva ancora considerata cibo per poveri e, quindi, era disprezzata dalla borghesia. Nel 1845-46 le coltivazioni italiane furono attaccate dalla peronospora: questo indusse a studiare più a fondo questa pianta, in modo da debellare il problema, e fece fiorire l’interesse per le patate. Risultato: la coltivazione uscì dalla “minore età”, durata più di un secolo, e la patata perse l’immagine di stranezza esotica diventando un alimento popolarissimo.

Da allora la storia delle patate è una storia felice: quella delle sue varietà e delle sue molteplici ricette.

Il tubero più importante del mondo, ha ora, finalmente, una rivalutazione a 360°.  928 pagine, 104 autori, oltre 1800 immagini per dare il benvenuto al 13° volume della collana Coltura&Cultura  "la patata" in occasione dell’evento Valori e Valore della patata
17 maggio 2011, ore 09:30 sede Patfrut, via dell’Artigianato 7, Budrio – Bologna.

La collana “Coltura&Cultura” è realizzata da ART in collaborazione con Bayer CropScience Srl , consociata di Bayer AG e leader per volume d’affari e per innovazione nelle tecnologie applicate all’agricoltura, allo scopo di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei prodotti agricoli italiani. Già pubblicati: il grano, il pero, il mais, la vite e il vino, il pesco, il melo, l’ulivo e l’olio, l’uva da tavola, il pomodoro, il carciofo, la fragola, l’uva da tavola e ora la patata.

 

L’evento sarà preceduto dalla conferenza stampa il giorno 16 maggio 2011 alle ore 18:00, in sede da definirsi.

Per info:

Daniele Rosa Paola Sidoti
Direttore Comunicazione Responsabile Comunicazione
Bayer in Italia Bayer CropScience in Italia

Paola Orfino Manuela Casaleggi

Phone: +39.02.3972.2390 Phone: +39.02.3972.2421
Mobile: 335 1846335 Mobile: 348 0904806
EMail: paola.orfino@bayer.com EMail: manuela.casaleggi@bayer.com
www.bayercropscience.it

a cura della redazione