Cagnotto, Zoeggeler e Nespoli:

per un grande Golden King

 

 

 

La più forte tuffatrice azzurra di tutti i tempi, la leggenda dello slittino e l’oro olimpico del tiro con l’arco saranno tra i premiati del Festival dello sport italiano che si terrà mercoledì 5 marzo al Teatro Accademia di Conegliano

La regina dei tuffi, la leggenda dello slittino azzurro e l’arciere che a Londra ha infilzato l’oro olimpico: inizia il conto alla rovescia, in vista dell’edizione 2014 del Golden King. Mercoledì 5 marzo, a Conegliano (Treviso), nella prestigiosa cornice del Teatro Accademia, la serata di gala organizzata da Venetofabrica e dal Coni incoronerà anche tre stelle dello sport azzurro: Tania Cagnotto, Armin Zoeggelere Mauro Nespoli.

I nomi dei tre atleti azzurri sono stati svelati durante la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2014 del Golden King che si è tenuta oggi, a Civitavecchia, a bordo di MSC Fantasia, ammiraglia della compagnia MSC Crociere, sponsor dell’evento. Ancora rigorosamente top secret restano invece i nomi degli altri sportivi che saranno premiati.

Conegliano applaudirà la più grande tuffatrice italiana ed europea di tutti i tempi. L’atleta che anche nel 2013 ha saputo riproporsi ai vertici, vincendo due argenti (trampolino da 1 metro e trampolino sincronizzato da 3 metri in coppia con Francesca Dallapè) ai Mondiali di Barcellona e salendo tre volte sul podio (due ori e e un argento) agli Europei di Rostock. A 28 anni, Tania Cagnotto è proiettata verso la sua quinta Olimpiade: i Giochi di Rio de Janeiro saranno l’ultimo grande traguardo di una carriera inimitabile. Un obiettivo che dovrà anche riscattare la beffa dell’Olimpiade di Londra, dove la fuoriclasse altoatesina ha mancato il podio per un’inezia, appena 20 centesimi di punto.

L’Olimpiade è invece un obiettivo realizzato per Armin Zoeggeler, che domenica 9 febbraio, ai Giochi Invernali di Sochi, ha vinto la medaglia di bronzo nello slittino, conquistando il sesto podio in sei diverse edizioni dei Giochi. Armin Zoeggeler è così entrato nel mito: il suo slittino, da vent’anni, sfreccia a 140 km all’ora, vincendo medaglie ovunque. Il bronzo a Lillehammer ’94, l’argento a Nagano quattro anni dopo, poi gli ori di Salt Lake City 2002 e Torino 2006, quindi il terzo posto di Vancouver e l’acuto di Sochi. Portabandiera azzurro ai Giochi, Armin Zoeggeler ha un palmarés ricchissimo, che comprende anche sei ori ai Campionati del Mondo, quattro titoli europei e dieci Coppe del Mondo, con 120 podi complessivi.

Profuma d’Olimpiade, infine, anche la carriera di Mauro Nespoli, uno dei tre fantastici arcieri azzurri, insieme a Marco Galiazzo e Michele Frangilli, vincitori della medaglia d’oro a squadre a Londra 2012.Per Nespoli il titolo olimpico è stato il coronamento di una carriera che, quattro anni prima, sempre nella prova a squadre, l’aveva visto conquistare l’argento ai Giochi di Pechino. Nel suo curriculum internazionale anche un oro, due argenti e due bronzi a livello mondiale e due ori e cinque bronzi in campo europeo.

Tania Cagnotto, Armin Zoeggeler e Mauro Nespoli sono i primi tre nomi di una collana di pietre preziose che si allungherà nelle prossime settimane, coinvolgendo complessivamente otto campioni azzurri scelti dal Coni tra gli atleti delle 45 federazioni sportive. Per loro una prestigiosa statuetta in cristallo e oro creata da Marco Varisco. Trasmessa da Rai Sport 2, l’edizione 2014 del Golden King avrà anche un’ospite musicale: la giovanissima e talentuosa Cixi, una delle stelle della penultima edizione di X Factor. La rotta è tracciata: da una regina del mare come la MSC Fantasiaparte il viaggio verso un 5 marzo stellare.

LE DICHIARAZIONI DEGLI INTERVENUTI ALLA CONFERENZA STAMPA

Massimo Bertoldero (area manager MSC Crociere): “MSC Crociere è un brand che sposa lo sport per le sue capacità di comunicazione e sullo sport investiremo sempre di più. Il Golden King è un’occasione per molti dei nostri top client per vivere lo spirito MSC”.

Gianfranco Bardelle (presidente del Coni Veneto): "La seconda edizione del Golden King significa dare continuità ad un grande evento. Grazie alla presenza di tanti campioni, il Golden King rappresenta anche una ribalta annuale per quegli sport che avrebbero visibilità solamente in occasione dei grandi eventi mondiali. Lo sport, per i valori che trasmette, ha bisogno di visibilità: il Golden King è un occasione unica per lo sport italiano".

Eleonora Bottecchia (Venetofabrica): “Il Golden King vuole essere espressione nazionale dello spirito di squadra attraverso l’eccellenza dello sport e un volano dell’impegno che unisce l’imprenditoria e lo sport italiano”.

a cura della redazione