Deichmann Calzature:

estende la sua filosofia anche all'Italia

Ottimo rapporto qualità prezzo, attenzione alla persona e soprattutto al gusto e alla naturale eleganza degli italiani. Questa la formula magica con la quale Deichmann, gruppo tedesco che opera nel commercio al dettaglio di calzature low cost, punta all’Italia con un piano che ,quest’anno, prevede investimenti per 5 milioni di euro e l’apertura di una quindicina di negozi. A riferirlo durante una conferenza stampa tenutasi lo scorso 27 aprile  presso la fondazione Maimeri di Via Colombo a Milano ,vicino a Zona Tortona ,culla degli eventi legati anche e soprattutto alla moda, Heinrich Deichmann, Ceo del gruppo fondato nel 1913 dal nonno, Matthias Sommer AD di Deichman e Ulrich Effing, Corporate Communication Manager che ha chiarito alcuni concetti in italiano  visto che i relatori hanno parlato in tedesco pur con traduzione simultanea a disposizione in cuffia . "Per l’Italia- ha esordito Deichmam dopo aver percorso a tappe parte della storia  dell’azienda- vediamo nel medio periodo un potenziale di circa 400 punti vendita – aggiungendo subito dopo quasi a chiarire che -" non operiamo,però, in franchising e i nostri sono negozi gestiti ,direttamente, da noi perché così siamo certi che la nostra strategia e i nostri valori vengano applicati ovunque". In questa prima  fase le inaugurazioni si concentreranno nelle città del nord e centro Italia, da Aosta a Teramo, a cui si aggiungeranno anche i centri commerciali.
"In Italia, cosi come in tutti gli altri Paesi in cui siamo presenti- gli ha fatto eco Sommer- "Il gruppo dispone di un portafoglio di 14 brand per uomo, donna e bambino tra cui spicca la collezione premium per donna «Cindy Crawford by 5th Avenue», presentata alla stampa, 40 modelli con prezzi tra i 29,90 e i 49,90 euro. Non mancano le sneakers e scarpe da ginnastica di Adidas, Lotto, Puma e Fila. Si tratta di linee prodotte appositamente per la catena tedesca e vendute a prezzi in linea con la sua politica low cost. «Abbiamo un’offerta generalista con marchi come Graceland , Elefanten (per i bambini) Gallus (per l’uomo9 e Medicus (Wellness) che soddisfano tutte le età e le tendenze di moda, filosofia che ci ha permesso di affermarci in venti mercati». E’ previsto tra l’altro a breve l’apertura di un centro amministrativo anche nella vicina Svizzera.
"In Italia dove abbiamo aperto la prima filiale nel 2008 e dove abbiamo 240 collaboratori provenienti da 18 paesi- ha proseguito Sommer- abbiamo adottato in tutti i punti vendita il cosiddetto "Concetto del Rack Room" eliminando completamente gli spazi del magazzino in quanto il cliente non trova piu una scarpa sola esposta sugli scaffali in ordine di misura ma in coppia , nella loro confezione originale e disposte in modo corretto in modo da vedere e sil modello desiderato ü dipsonibile nella misura corretta senza dover nemmeno consultare le commesse del negozio (altro risparmio di tempo e quindi di denaro n.d.r)".
Ma a proposito della filosofia aziendale, Heinrich Deichmann l’artefice dell’espansione internazionale del gruppo, controllato al 100% dalla famiglia, che archivia un 2009 da record ,nonostante la crisi economica mondiale, ha chiarito che "l’azienda deve essere in primo luogo al servizio delle persone" di conseguenza anche del cliente,  al quale offre un prodottto di qualità, alla moda ad un prezzo molto conveniente e infine dei suoi dipendenti al fine di offrire posti di lavoro sicuri con uno stipendio equo"
"In quanto imprenditori- ha ,poi, concluso Deichmann- siamo ,certamente,  interessati al profitto dell’azienda il cui fatturato  consolidato ha toccato i 3,4 miliardi di euro, +9% rispetto all’anno precedente, di cui il 51,8% è stato realizzato fuori dalla Germania, tuttavia vogliamo aiutare anche le persone e in proposito ha accennato alle varie inizative del gruppo che da 30 anni porta avanti progetti di sostegno e sviluppo sia in Africa che in India mentre in Italia si avvale della collaborazione attiva con CoorDown una onluss che si occupa di persone affette da Sindrome di Down.
Un’azienda modello dunque con persone modello e soprattutto di spessore.  Non a caso Deichmann che è laureato in business administration, ha ,anche, seguito corsi di teologia!.
A cura della redazione

 

 |