Edison:

Change The Music porta la musica a emissioni zero in tour con X-Factor

Prende il via l’11 e il 12 giugno prossimi a Como l’edizione 2010 di Edison-Change the Music. Da oggi sarà, infatti, possibile iscriversi sul sito www.edisonchangethemusic.it e le band emergenti potranno anche esibirsi dal vivo. L’appuntamento è fissato per le tappe di venerdì e sabato all’X-Factor Village di Piazza Cavour e Piazza Volta a Como dalle 17 alle 19 a cui seguiranno quelle di Torvaianica (Roma) che si svolgeranno il 25 e il 26 giugno. In palio la produzione di un cd, la realizzazione di un videoclip, la fornitura di un set di strumenti. L’iniziativa nata due anni fa e giunta, pertanto, alla sua terza edizione si pone come obiettivo quello di allargare sempre di più gli spazi espressivi della musica coniugandoli alla cultura del consumo energetico consapevole. Questo in sintesi quanto riferito oggi da Andrea Prandi, direttore relazioni esterne e comunicazione di Edison l’azienda attiva nella fornitura di energia elettrica e gas che ha ospitato nella sua bella sede di Foro Buonaparte 31 a Milano la conferenza stampa per dare l’annuncio del nuovo start up del progetto. "Un progetto culturale che vuole arrivare, direttamente, al cuore delle persone e alla loro sensibilità- ha aggiunto Prandi-perchè è attraverso la musica che si vuole spiegare alla gente che l’energia va usata in modo intelligente".
"Nel mondo esistono un miliardo e ottocento milioni di persone che non hanno accesso all’energia elettrica. Donne e bambini che vanno in giro a raccogliere acqua e biomasse per reperire fonti di energia- ha riferito dal canto suo Umberto Quadrino AD di Edison- aggiungendo che è una lotta contro il tempo per cui occorre cambiare attraverso la musica l’impatto ambientale ed oggi è possbile farlo con l’adozione di misure eco-sostenibili che permettono di abbattere le emissioni di un concerto di circa 63 t di CO2, pari a quelle prodotte da 1.000 automobili che percorrono 350km di autostrada o alle emissioni di CO2 associate al consumo elettrico di circa 12 famiglie italiane medie in un anno".
“Aggiungere elementi etico-sociali come quello del risparmio energetico -ha raccontato ,dal canto suo, Franco Mussida creatore del Cpm Institute (di cui ricorre quest’anno il 25 anniversario della fondazione) – serve a renderci più consapevoli del rispetto che si deve a tutte le energie che ci governano, aiuta le nostre scelte e ci rende ogni giorno un poco più liberi. Edison con questa iniziativa e altre simili -conclude Mussida- dimostra di andare in questa direzione, ed è anche per questo che ho deciso di sostenerla”.
" La musica ha da sempre attuato cose mirabili ed è servita spesso a comunicare circostanze ed eventi che hanno fatto epoca .La Musica d’oggi è spesso considerata, a torto, un superficiale diversivo. Aiutare i ragazzi a suonare e ad esprimersi attraverso la Musica -ha spiegato Mussida- ne rafforza invece la sensibilità, incentivandone un loro vero, diretto impegno affettivo. Niente di virtuale-ha chiosato il creativo- si parla di maggiore sensibilità verso la vita, la comunicazione delle emozioni, il rapporto con l’organismo sociale".
”Chi fa Musica -ha concluso Mussida- vive, certamente, in un pianeta a parte dove si cerca e si brucia un’energia diversa dall’eolico, l’idroelettrico o il nucleare, un’energia che genera passione, pensiero, movimento. Energie che giocano però un ruolo fondamentale nel quotidiano. Le motivazioni che ci fanno vivere sono anche quelle che ci fanno suonare“.
Dello stesso avviso NIck di TheNIghtFly che ha aggiunto che il progetto di Edison permette ai giovani di sognare ed  è il primo movimento eco-musicale italiano che ha come obiettivo quello di allargare gli spazi espressivi della musica, coniugandoli alla cultura del consumo energetico consapevole.
A seguire un video con il quale Elena di Cioccio madrina del progetto ma non presente all’evento ha illustrato alcuni dettagli della manifestazione:

EDISON-CHANGE THE MUSIC
Fulcro dell’iniziativa è il concorso dedicato alle band emergenti che avranno la possibilità di esibirsi dal vivo davanti agli esperti della musica e della discografia italiana. Le band libere da contratto discografico possono iscriversi alla selezione caricando sul sito www.edisonchangethemusic.it due brani inediti (Infoline 02-6222.8529). Le iscrizioni si chiuderanno ufficialmente il 12 settembre.
La direzione artistica del progetto è affidata al Cpm Music Institute diretto da Franco Mussida, la prestigiosa scuola di formazione musicale capace di scoprire e stimolare l’espressività degli artisti aiutandoli ad affermarsi presso il grande pubblico, che festeggia i 25 anni di attività sposando l’iniziativa Edison – Change the Music.

SPECIAL GUESTS E VINCITORI
Le band finaliste verranno valutate alla fine del tour e del concorso sul web dalla giuria di esperti, fra cui spiccano i nomi di Elena Di Cioccio, Franco Mussida, Nick TheNightFly, Piero Pelù, Enrico Ruggeri. Al voto parteciperà anche la folta community on line, che conta già su 50.000 fan e anima i social network: Facebook, Twitter, MySpace.
”Auguro ai vincitori di Edison-Change the Music edizione 2010 non solo di eguagliare, ma anche di superare il successo delle band che si sono affermate lo scorso anno“, ha sottolineato Andrea Prandi, direttore relazioni esterne e comunicazione di Edison. “I primi classificati, Granma -ha ricordato Prandi- hanno accompagnato i Velvet in tournée, i secondi, gli Elizabeth, sono ora la voce dello spot Edison che verrà trasmesso durante i mondiali di calcio del Sud Africa”.

LA VISIBILITA’
”L’edizione 2010 di Edison-Change the Music si avvicina ancora di più al suo pubblico contando su due partner d’eccezione: Radio 2 e il Tour di X-Factor. Grazie a loro -sottolinea Prandi- contiamo di sensibilizzare sempre più il mondo dei giovani e della musica su temi molto importanti per il nostro futuro come la salvaguardia dell’ambiente e il risparmio energetico. Per ora i numeri ci danno ragione: abbiamo già 50mila visite sul web, 2.000 amici su MySpace, 400 fan su Facebook e oltre 160 follower su Twitter”.
EDISON
Fondata nel 1883 è la più antica società europea nel settore dell’energia. Oggi è un operatore leader in Itlia nei settori dell’energia elttrica e degli idrocarburi presente in oltre 10 paesi in Europa, Africa e Medio Oriente con una dipsonibilità di circa 13 miliardi di metri cubi di gas all’anno e una produzione annua di oltre 1,8 miliardi di metri cubi di gas  e 2,6 milioni di barili e riserve garantite per 70 miliardi di metri cubi di gas equivalente.
CPM MUSIC INSTITUTE
E’ l’unica scuola di Musica in Italia che ha un progetto formativo dinamico in grado di leggere e fornire gli elementi tecnici e creativi per affronater la difficle porfessione del musicista nell’ambito della musica ad roientamento Po, Rock e Jazz con un organico di oltre 50 professionisti di levello internazionale e oltre 300 tra Corsi e Master.
LA MUSICA CONSAPEVOLE
Come ogni anno Edison promuove l’Osservatorio Edison – Change the Music che monitora l’andamento della musica live sostenibile nel nostro Paese. Nel 2009 si sono tenuti in Italia 21.553 concerti di musica live con un incremento del 19% rispetto ai 18.086 del 2008. La quantità di anidride carbonica prodotta dagli eventi musicali dello scorso anno è risultata in calo del 9% rispetto al 2008 e del 20% rispetto al 2007. Il risparmio complessivo si è attestato a 155mila tonnellate di CO2, pari alle emissioni associate al consumo elettrico medio di 77.500 famiglie in 1 anno.
A livello nazionale, la Lombardia è la prima regione per numero di concerti live. Lo scorso anno la regione ha ospitato 4.670 eventi musicali, registrando un aumento del 19% rispetto al 2008. In crescita anche l’attenzione all’ambiente visto che le emissioni di anidride carbonica associate a ciascun evento sono diminuite dell’12,9% passando da 330,895 tonnellate di CO2 del 2008 alle 288,148 dello scorso anno. Questi dati fanno della Lombardia una regione che si colloca al livello delle best practice nazionali.
Se vi sembra poco!
a cura della redazione