Provolone Valpadana:

sfida tra cuochi in Andalusia

 

Cremona, 27 aprile 2010 – Il Consorzio Tutela Provolone Valpadana ha premiato a Malaga, in Andalusia, i cuochi professionisti che si sono confrontati in una gara di ricette, una sfida, con cucchiaio e forchetta, che si è tenuta a Malaga ed ha ospitato più di 400 ristoranti di tutta la regione andalusa. I cinque finalisti hanno presentato le loro proposte a base di Provolone Valpadana e Parmigiano Reggiano durante un evento aperto alla stampa e a personalità della ristorazione locale. In palio, un viaggio in Italia nei luoghi di produzione di Provolone Valpadana e Parmigiano-Reggiano, un momento per conoscere da vicino questi due importanti formaggi e scoprire i loro segreti direttamente dai maestri casari.

I vincitori sono due chef del ristorante Qundia di Malaga, Marcelo Drovandi e Raquel Fernàndez. Il menù giudicato migliore:  Gnocchi liquidi di Parmigiano-Reggiano, caviale di tartufo nero e germogli di rucola; Filetto di maiale iberico, gratinato con Provolone Valpadana piccante speziato e melanzana al forno (il Provolone Valpadana dop era presente in diverse consistenze: fuso, croccante, praline e spuma). Zuppetta tiepida di Parmigiano-Reggiano, tocco di vaniglia bourbon, frutti di bosco e sorbetto di mora.

L’evento si è tenuto presso il Ristorante Limonar 40 di Malaga ed i 5 finalisti hanno presentato le loro creazioni davanti alla giuria presieduta da Libero Stradiotti, Presidente del Consorzio Tutela Provolone Valpadana; Vittorio Emanuele Pisani, Direttore del Consorzio Tutela Provolone Valpadana; Angela Barusi, in rappresentanza del Consorzio Parmigiano-Reggiano; Javier Hernández, chef del Ristorante Limonar 40; José Carlos García, chef del Ristorante Café de París di Málaga; Javier Sánchez, giornalista della rivista Excelente; Enrique Cibanto, Presidente della Academia Gastronómica di Málaga; Roberto Brisciani, editore della Rivista Pizza y Restauración.

 

  

  

 Consorzio Tutela Provolone Valpadana
Costituito nel 1975, il Consorzio Tutela Provolone Valpadana ha sede a Cremona. Tra i suoi compiti, quelli di fornire servizi di tutela e di vigilanza  volti a migliorare la qualità del prodotto e la sua commercializzazione. Grande importanza è quindi attribuita all’attività di ricerca e sviluppo, alla formazione per gli associati e alla promozione internazionale. Dal 1996, il Provolone Valpadana ha ottenuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta (DOP) da parte dell’Unione Europea.

 

Info: Consilium Comunicazione:
Simona Bravi: 026565485, 3351833449, sbravi@consiliumcom.it

a cura della redazione