Presentate in anteprima:

la 6a edizione di KLIMAENERGY 2013 Fiera Internazionale delle Energie rinnovabili per Comuni e Imprese e la terza eidzione di KLIMAMOBILITY 2013 Salone della mobilità sostenibile Bolzano, 19 - 21 settembre 2013

 

 

In occasione della conferenza stampa che si è svolta lo scorso  giovedì 13 giugno all’Urban Center di Milano sono stati presentati in anteprima i contenuti delle prossime edizioni di Klimaenergy, Fiera Internazionale delle Energie Rinnovabili per Comuni e Imprese, e di Klimamobility, Salone della mobilità sostenibile.
 
 Giunta alla sua sesta edizione, Klimaenergy propone un mix di eventi informativi che si affiancano all’esposizione di oltre 200 aziende di primo piano del settore energetico. I servizi di aggiornamento professionale si rivolgono al pubblico altamente profilato della fiera che comprende tecnici e funzionari di enti locali e territoriali, imprenditori, Energy Manager delle aziende, progettisti a costruttori.
Tra i numerosi appuntamenti formativi di alto livello legati a Klimaenergy, il Congresso Internazionale organizzato da Fiera Bolzano in collaborazione con la Provincia Autonoma di Bolzano, Eurac Research, Accademia europea di Bolzano, TIS Innovation, Ecoistituto Alto Adige,Fraunhofer Italia, IIT Istituto per le Innovazioni Tecnologiche e l’Unione Energia Alto Adige.
Arricchito con le best practices di Comuni e imprese, il programma del Congresso si sviluppa in cinque moduli tematici.
Il primo modulo, a cura del TIS Innovation park – centro promotore per l’innovazione, la cooperazione e il trasferimento di tecnologie per tutti gli attori del sistema innovazione dell’Alto Adige – si focalizza su “Il futuro delle rinnovabili” e offre una panoramica a 360° sugli scenari energetici attuali e sulle innovative soluzioni a fonte rinnovabile di domani, applicabili in
particolare all’industria e alla Pubblica Amministrazione. Obiettivo delle nuove politiche è garantire entro il 2020 un’effettiva riduzione dei costi energetici e minimizzare l’utilizzo di fonti altamente inquinanti, come benzina e gasolio, per ottenere concreti benefici ambientali.
Uno speciale focus è dedicato alle tematiche legate al “Conto Termico”, ai “Certificati Bianchi”, alle “Rinnovabili ed Elettriche” e al “Fotovoltaico dopo il V Conto Energia verso la grid parity”.
Con il secondo modulo, Fiera Bolzano, in collaborazione con Ecositituto – Istituto per uno sviluppo ecologico e sociale dell’Alto Adige – offre un approfondimento sul tema“Illuminazione pubblica” che evidenzia i criteri per la riduzione dell’inquinamento luminoso e il risparmio energetico.
In evidenza i provvedimenti messi in atto da alcuni Comuni virtuosi, la legge provinciale di Bolzano e il caso di razionalizzazione dell’illuminazione pubblica a Reggio Emilia.
“Smart Grid” è invece il tema del terzo modulo organizzato da Fraunhofer Italia Research,incentrato sui vantaggi e sulle potenzialità delle “reti elettriche intelligenti” confermati anche dalla case history di Isernia Carpinone.
Il quarto modulo, a cura di Eurac Research, si concentra sugli interventi dal titolo “Gestione e monitoraggio intelligente dell’energia” e “Monitoraggio energetico in cloud per Enti ed edifici”.
Ampio spazio è inoltre dedicato al “Progetto SportE2: Energy Efficiency for Sport Facilities”.
A chiudere, il quinto modulo del Congresso con cui il TIS tratta l’argomento della “Gassificazione del legno”, con particolare riferimento allo stato dell’arte di questa tecnologia e alla gestione dei residui e delle emissioni degli impianti.
 

Anche la terza edizione di Klimamobility si affianca a Klimaenergy, 6a Fiera internazionale per l’applicazione innovativa delle energie rinnovabili per Comuni e Imprese.
Piattaforma d’incontro, confronto e aggiornamento sui temi della mobilità sostenibile, Klimamobility, in scena a Fiera Bolzano dal 19 al 21 settembre, si aprirà  con il Congresso Internazionale che ospiterà  un ampio palco di relatori da tutta Europa.
L’evento di approfondimento tecnico-professionale, programmato per la giornata di apertura della manifestazione, propone una riflessione su come la mobilità di domani possa essere completamente rivoluzionata nell’ambito di un ecosistema rinnovabile. Due i moduli macrotematici: “Prospettive e visioni future della mobilità sostenibile” ed “Esempi concreti di mobilità sostenibile dall’Italia e dall’estero".
Tra le voci autorevoli, Luciano Gaudio – Stakeholders Relationships Manager Fuel Cells and Hydrogen, Pietro Menga – Presidente di CIVES, Commissione Italiana Veicoli Elettrici Stradali, Ulrich Piotrowski – Daimler Busses EvoBus, e Daniele Invernizzi – Socio Fondatore di eV-Now Foundation.
Gernot Spiegelberg di Siemens offre un approfondimento su "Le chance della mobilità elettrica – una proposta per l’applicazione di Siemens", mentre Jörg Beckmann – Gestore di SwisseMobility illustra “La mappa stradale della mobilità elettrica svizzera: politica e pratica”. Conclude il Congresso l’intervento del rappresentante del Fraunhofer Institute – primario istituto di ricerca tedesco che ha destinato ben 33 dei suoi centri di ricerca allo studio di molteplici aspetti relativi
alla mobilità elettrica.
“Chi, come noi, si occupa di mobilità ha l’obbligo morale di proporre soluzioni sempre meno invasive dal punto di vista ambientale” afferma Marina Terpolilli, Presidente dell’Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive. “Nei listini compaiono già alcuni modelli di auto elettriche e, di anno in anno, se ne aggiungono altri. È vero che i costi sono ancora superiori alla media per i privati tuttavia, grazie all’impegno delle Istituzioni e delle aziende più illuminate, questi modelli iniziano a ‘sbocciare’ nelle flotte aziendali e sono disponibili ormai anche per il noleggio privato.
In attesa della soluzione ottimale – continua Marina Terpolilli – molti costruttori si stanno orientando verso vetture sempre meno assetate di benzina o di gasolio che si affiancano a modelli alimentati con carburanti alternativi a basso impatto come l’ibrido elettrico/termico o i modelli plug-in alimentati dalla rete elettrica.”
Alcuni esempi di questi veicoli innovativi sono a disposizione dei visitatori nell’area test di simulazione urbana. L’area test si estende sia nei due padiglioni sia lungo tutta la zona scoperta del quartiere.
 

a cura della redazione