Lombardia in trionfo:

al campionato italiano per regioni di cross

 

La corsa campestre Cadetti/e è sempre un feudo lombardo: come nel 2012 la rappresentativa regionale ai campionati italiani individuali e per regioni di categoria centra un titolo individuale e lo “scudetto” a squadre sia nella classifica complessiva sia in una graduatoria “di genere” (un anno fa accadde al maschile, oggi al femminile). Nella classifica complessiva per selezioni della kermesse ospitata ai Pratoni del Vivaro di Rocca di Papa la Lombardia si è imposta con 744 punti e un ampio distacco sui più immediati inseguitori, il Veneto (705) e il Piemonte (703).

La vittoria lombarda è doppiamente bella per Silvano Danzi, responsabile regionale di settore coadiuvato a Rocca di Papa da Giovanni Balbo, Maria Righetti e Matteo Santambrogio: «Bello perché frutto di un gruppo di ragazzi di indubbio valore tecnico, anche a prescindere dalla gara di oggi, ma bello anche perché tutti questi atleti sono seguiti da allenatori giovani. L’augurio è che questa giornata sia l’inizio di una carriera atletica importante per i giovani atleti ma anche il presupposto per un investimento importante del Comitato regionale in questo settore».

Merito di tanti ragazzi distinti osi anche a livello individuale. Il sopracitato titolo tricolore è arrivato grazie a Samuele Nava, cadetto classe ’98 in forza all’Atletica Erba e allenato da Mirko Ferrari: Nava, approdato peraltro da pochissimo all’atletica, si era già messo in luce in questa stagione vincendo tra l’altro il Campaccio e il campionato regionale di categoria. Sui 2500 metri del percorso laziale il giovane mezzofondista lombardo ha battuto in volata con 9:42 il sardo Andrea Usai (9:43) e il siciliano Antonio Giorgianni (9:44); quarto a soli tre secondi dal titolo un altro lombardo, Ademe Cuneo (Cento Torri&Vigevano Atletica Young, 9:45). Altri tre nostri alfieri sono entrati nella top 20: il portacolori della selezione lombarda Alberto Mondazzi (Atletica Mariano Comense) 18esimo in 10:02 e gli individualisti Pietro Zabbeni (Libertas Atl Villanuova ’70) 16esimo in 10:00 e Leonardo Cuzzolin (Atletica Meda) 19esimo in 10:05. Così gli altri giovani atleti della spedizione regionale: 23° Gregory Naro (Cortenova) 10:06, 25° Mohammed Yaakoubi (Centro Olimpico Piateda, individualista) 10:06, 29° Manuel Canti (Atl. Vallecamonica, individualista) 10:09, 43° Manuel Tagliaferri (Pol. Pagnona) 10:19, 57° Aldo Castoldi (Scuola Sportiva Atl. Punto It) 10:26. Nella classifica a squadre solo maschile la Lombardia si è arresa solo al Piemonte: 363 punti contro i 367 dei “vicini”.

Il successo “di genere” è arrivato in campo femminile: le cadette lombarde con 381 punti hanno preceduto Vento (359) e Lazio (342). L’avamposto della rosa camuna è stato Marta Zenoni, campionessa regionale in carica e battuta sui 2 km del percorso di Rocca di Papa solo dalla veneta Federica Tommasi. Le due atlete hanno fatto gara a parte rispetto al resto d’Italia: 6:41 il tempo di Tommasi, 6:49 il crono di Zenoni. La vittoria di squadra lombarda è stata però costruita anche grazie alla bellezza di ben sette atlete (tra cui tutte le cinque a portare punteggio per rappresentativa) nelle prime venti. Elisa Cherubini (Atletica Vighenzi Padenghe) si è piazzata quinta in 7:16, a soli quattro secondi dal podio.  Alle sue spalle ecco nell’ordine Arianna Locatelli (Pol. Novate) settima in 7:18, Beatrice Bianchi (Atl. Casazza) nona con 7:21, Micol Majori (NA Fanfulla) 14esima in 7:27 e le individualiste Martina Castrovinci (Scuola Sportiva Atl. Punto It) 13esima in 7:26 e Francesca Colombo (Atl. Lecco Colombo) 17esima in 7:30. Con loro hanno concluso la prova pure Viola Taietti (Pol. Cappuccinese, 25ª in 7:40) e Chiara Mazzetto (Cus Pro Patria Milano, 44ª in 7:51).

a cura della redazione

 

Milano Abbiategrasso:

torna dopo piu' di quarant'anni il Trofeo Leonardo

Sabato e  Domenica prossimi 9-10 maggio verrà dato il via alla prima riedizione di una storica competizione di motonautica sulle acque dei Navigli Lombardi. Undici gommoni si sfideranno su un percorso di 20 km che si snoderà lungo il Naviglio Grande da Milano sino ad Abbiategrasso, toccando tutti i comuni interessati con un ricco programma di eventi e manifestazioni.
E’ stato annunciato oggi durante una conferenza stampa tenutasi in una location ,che più adatta di così  all’evento non poteva esserlo, lo Yacht Club di Milano, da un "partèrre" di relatori composto oltre che da Franco Gherra, Segretario Generale  dello stesso Yacht Club che ha fatto anche da moderatore, da Roberto Braida Presidente e fondatore  dello Yacht Club Milano, da Massimiliano Orsatti, Assessore  al Turisdmo, Marketing Territoriale e Identità del Comune di Milano, Valerio Albetti, Sindaco di Abbiategrasso e Marco Calamari, Presidente MaReventi.
La manifestazione ideata da Navigli Lombardi e Yacht Club Milano, in collaborazione con MaReventi è realizzata con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Milano e Comune di Milano, dopo più di quarant’anni dal suo ultimo svolgimento (1956) darà il via questo weekend alla prima riedizione della Milano Abbiategrasso, Trofeo di Leonardo. Gli undici gommoni, in rappresentanza degli Enti facenti parte del Consorzio dei Navigli Lombardi, si misureranno in una sfida di regolarità e abilità su un percorso di 20 km della durata di circa due ore e trenta minuti. Gli equipaggi saranno composti da un pilota della FIM (Federazione Italiana Motonautica) e da un Amministratore degli undici Enti interessati e  avranno la responsabilità di rappresentare il proprio “Territorio”. Regione Lombardia, Provincia e Comune di Milano hanno fortemente sostenuto e favorito questa iniziativa, un altro tassello importante per valorizzare Milano quale Capitale Europea dello Sport per il 2009 e importante centro turistico.
“La scelta di appoggiare eventi che si sviluppano intorno al concetto di rivalutazione delle vie acquatiche – ha detto Massimiliano Orsatti, costituisce – " un buon inizio per incrementare e migliorare  la rete di attività che stiamo studiando e sviluppando per valorizzare un quartiere ad alto interesse  storico e turistico come i Navigli  sempre più determinante per lo sviluppo della città soprattutto in vista di Expo 2015”.

"L’obiettivo di questa iniziativa – ha spiegato  Roberto Braida, è far rivivere nel cuore dei milanesi quella stessa passione, senso storico d’appartenenza e di aggregazione sana e sportiva, proprie dell’evento che richiamava le massime attenzioni negli anni 30.(la prima edizione è del 1937 ndr.) Uno spirito in perfetta sintonia con la filosofia, le ambizioni e le valenze del nostro circolo”.
" Abbiategrasso è sempre stato vicino all’acqua tanto è vero che una volta c’era persino una darsena dove attraccavano i battelli"
.ha aggiunto  Roberto Aletti , spiegando che il Castello Visconteo e il Convento dell’Annunciata costituiscono poi dei beni culturali che insieme al parco del Ticino dovrebbero incentivare i Milanesi a visitare questo particolare territorio facente parte integrante del comparto turistico Magentino.
 "Gareggiare sull’acqua dolce non è  come gareggiare sul mare ha tenuto a precisare  Marco
Calamari che dopo aver fornito alcuni dettagli tecnici sulla durata del percorso e sui tipi di controlli che verranni effettuati  ha aggiunto  che le vie d’acqua di questo tipo rappresentano una sfida sia per gli organizzatori che per i partecipanti  in quanto sono ricche di trabocchetti e di correnti anche notevoli, sfida che da buon  toscano accetta ben volentieri in quanto non gli piacciono le cose facili. 
. “L’iniziativa vuole risvegliare in tutto il territorio il senso di appartenenza alla comunità dei Navigli, un sistema ricco di naturali bellezze, caratteristiche uniche e immense potenzialità”.  Ha concluso  Franco Gherra agiungendo che sarà “Una due giorni all’insegna dello sport – ma anche delle tradizioni, dell’ambiente e della sicurezza -, che vuole riportare alla luce la storia e le tradizioni che rendono prezioso il territorio bagnato dai Navigli"  e ringraziando  per la loro partecipazione i presenti, tra cui ,anche, Benedetta e Gaia ,in rappresentanza dell’Associazione Naviglio Grande, che si son dette onorate di poter assistere al ripristino di  una competizione cosi valida non solo dal punto di vista sportivo e ambientale ma anche  da quello storico-culturale in quanto non va dimenticato che fu Leonardo  da Vinci pittore scultore  e ,soprattutto architetto a progettare i Navigli. 
Ricco il programma della manifestazione che prenderà il via Sabato 9 maggio dalle ore 10:00 alle ore 13:00, con l’arrivo dei gommoni in Darsena cui faranno seguito le prove tecniche degli equipaggi partecipanti al Trofeo. Mentre alle ore 16.30 prenderà il via “Racer Show”, una sfilata degli scafi protagonisti delle epiche edizioni della Milano Abbiategrasso. Domenica 10 maggio alle ore 10.00, prenderà il via la gara vera e propria. A latere dell’evento sportivo crescerà il coinvolgimento del pubblico lungo tutto il percorso del Naviglio Grande che si animerà di mercatini, spettacoli ed eventi collaterali con l’intento di sviluppare curiosità, interesse ed entusiasmo tra la gente. Domenica, durante la gara è prevista anche una sfilata di Racer e Riva, organizzata dalla Riva Historical Society: i più affascinanti modelli dello storico cantiere di Sarnico, sfileranno e si sfideranno in una gara di eleganza che verrà premiata a Gaggiano.  La due giorni si concluderà con la premiazione del vincitore domenica alle 17.30 presso la Darsena di Milano.
Non resta che andare a vederla sperando che la stagione ,ormai bella, sia propizia all’occasione.
Gianni Acerbi